BERNINI   MARIO
(Bachicche) 13/49

Nato a Siena il 13 marzo 1837 (vedi fogli anagrafici )
Morto Siena il 27 dicembre 1902 (vedi fogli anagrafici )
Fratello di Stralanchi (Giuseppe Bernini)

1. 16 agosto 1850 ONDA Morello di L.Barbetti
2. 2 luglio 1851 NICCHIO Morello di C.Cei
3. 2 luglio 1855 BRUCO Morello di L.Poggialesi
4. 2 luglio 1856 ONDA Morello di G.Zazzeroni
5. 16 agosto 1857 CIVETTA Baio di P.Bandini
6. 16 agosto 1861 TARTUCA Grigio di P.Bandini
* 2 giugno 1862 TARTUCA Grigio di P.Bandini
7. 15 agosto 1862 GIRAFFA Grigio di N.Ceccarelli
8. 28 settembre 1862 ¹ ONDA Morello di S.Franci
9. 2 luglio 1863 NICCHIO Morello di S.Franci
** 16 agosto 1863 SELVA Baio di P.Cianchelli
10. 3 luglio 1864 CHIOCCIOLA Morello di L.Grandi
11. 15 agosto 1864 VALDIMONTONE Morello di F.Gigli
12. 2 luglio 1865 NICCHIO Baio di A.Orlandini
13. 16 agosto 1865 NICCHIO Baio di A.Amaddii
14. 2 luglio 1867 NICCHIO Morello di E.Cecconi
15. 15 agosto 1867 LUPA Morello di E.Cecconi
16. 2 luglio 1868 LUPA Morello di O.Bonelli
17. 16 agosto 1868 NICCHIO Baio di O. Bonelli
18. 4 luglio 1869 VALDIMONTONE Baio di L.Grandi
19. 17 agosto 1869 VALDIMONTONE Baio di F.Bianchini
20. 3 luglio 1870 BRUCO Morello di L.Grandi
21. 15 agosto 1870 NICCHIO Morello di L.Grandi
22. 2 luglio 1871 NICCHIO Grigio di F.Pisani
23. 15 agosto 1871 OCA Grigio di L.Grandi
24. 2 luglio 1872 OCA Baio di A.Amaddii
25. 15 agosto 1872 NICCHIO Baio di A.Amaddii
26. 2 luglio 1873 ISTRICE Baio di G.Romboli
27. 17 agosto 1873 PANTERA Morello di A.Amaddii
28. 2 luglio 1874 SELVA Baio di D.Tavanti
29. 16 agosto 1874 NICCHIO Baio di D.Tavanti
30. 4 luglio 1875 ISTRICE Grigio di G.Ancilli
31. 16 agosto 1875 ISTRICE Morello di G.Gigli
32. 2 luglio 1876 ISTRICE Grigio di A.Cicali
33. 16 agosto 1876 DRAGO Morello di E.Fineschi
34. 17 agosto 1876 ² ISTRICE n.r.
*** 2 luglio 1877 TARTUCA Morello di D.Tavanti
35. 16 agosto 1877 LUPA Baio di N.Ceccarelli
36. 2 luglio 1878 ISTRICE Morello di P.Brandani
37. 16 agosto 1878 NICCHIO Baio di N.Ceccarelli
38. 17 agosto 1879 SELVA Baio di N.Ceccarelli
39. 2 luglio 1881 NICCHIO Baio di D.Ganfini
40. 16 agosto 1881 SELVA Baio di N.Ceccarelli
41. 3 luglio 1882 CHIOCCIOLA Prete
42. 2 luglio 1883 TORRE Prete
43. 16 agosto 1883 CHIOCCIOLA Baio di R.Bellini
44. 2 luglio 1885 CHIOCCIOLA Morello di D.Vetturini
45. 16 agosto 1885 CHIOCCIOLA Morello di A.Gracci
46. 16 luglio 1887 BRUCO Morello di A.Barducci
47. 16 agosto 1887 CHIOCCIOLA Grigio di D.Tavanti
48. 16 agosto 1888 AQUILA Baio di G.Boscagli
49. 16 agosto 1889 VALDIMONTONE Baio di L.Masini


* Non corse per infortunio del cavallo alla mossa.
** Palio sospeso per il ritiro di alcune contrade dopo l'annullamento di due mosse.
*** Palio sospeso per sopraggiunta oscurità a seguito di incidenti avvenuti per l'annullamento di una mossa.

¹ Palio straordinario.
² Palio alla Romana.

- Corse in tutte le contrade eccetto il Leocorno (cfr.).
- Vinse in ben 9 differenti contrade, preceduto soltanto da Caino e Pavolino (cfr.).
- E' dopo Piaccina e Partino, il fantino che ha avuto la carriera più lunga: 40 anni con 49 palii corsi e 13 vittorie (cfr.).
- Dopo Aceto, è il fantino che ha corso di più in una stessa contrada: 12 volte nel Nicchio (3 vittorie) (cfr.).
- E' il fantino più giovane del quale abbiamo la data certa di nascita, ad aver corso il suo primo palio: aveva 13 anni e 5 mesi (cfr.).


       

Così Garibaldi nel 1867 dedicò la sua foto: "A Mario Bernini, campione della Lupa vittoriosa, augurio della vittoria di Roma!"


               



Ricoverato dal 30 giugno al 2 luglio 1857 per commozione cerebrale.
(infortunio avvenuto durante una prova che non gli consentì di correre il Palio)



Basta dare uno sguardo all’unica foto che la storia ci ha lasciato per capire di che pasta era fatto Mario Bernini detto “Bachicche”, uno dei migliori fantini di tutti i tempi con le sue tredici vittorie conquistate in 48 presenze sul tufo.
L’immagine, risalente al luglio 1883, ritrae il quarantaseienne fantino senese insieme all’intera dirigenza della Torre.
Sguardo accigliato, occhi furbi ed un’espressione da vecchio guerriero artefice di mille intrighi e di mille battaglie.
Bachicche debuttò in piazza a soli tredici anni seguendo le orme del fratello maggiore Giuseppe detto “Stralanchi” che corse quattordici volte dal 1848 al 1856, anno della sua prematura scomparsa.
Nel Palio d’esordio, il 16 agosto 1850, Bachicche fu subito protagonista restando in testa per due giri nell’Onda.
Nonostante il convincente debutto negli anni successivi corse a singhiozzo e nel 1861 fu ripescato, un po’ a sorpresa, dalla Tartuca per la carriera dell’Assunta.
Fu quello un Palio particolarmente turbolento passato alla storia per le violente rimostranze seguite alla vittoria tartuchina.
In quegli anni di ardori risorgimentali le antiche insegne giallo e nere della Tartuca erano associate agli odiati dominatori.
Vedere vincere nettamente Bachicche, in un Palio corso da sole otto contrade e con il presunto appoggio dei due mossieri, fu uno smacco per gran parte delle contrade.
A carriera ultimata Bachicche fu circondato da un turba di persone inferocite e fu salvato a stento dal linciaggio solo grazie all’intervento dei granatieri, nessuna bandiera venne spiegata ed il cencio fu consegnato ai legittimi vincitori solo il giorno successivo.
Una prima vittoria davvero movimentata, preludio perfetto a quella che sarà l’intera carriera di Bachicche, indubbiamente ricca di successi ma anche piena di tradimenti.
Rotto il ghiaccio, nel pieno della giovinezza e con una sempre più accentuata abilità nel partire e nel nerbare gli avversari, Bachicche diventò in breve tempo il fantino più ambito.
Dal cappotto personale del 1862 iniziarono a fioccare le vittorie e proprio in questi anni si consolidarono i proficui rapporti con la Chiocciola e col Nicchio, contrada a cui Bachicche fu particolarmente legato fin dall’infanzia essendo nato in Sant’Eugenia.
Gran parte delle sue vittorie nascevano durante le fasi della mossa.
Ricordiamo che in quegli anni non vi era ancora il meccanismo consolidato che oggi conosciamo, i vari esperimenti provocavano spesso una tale confusione da condizionare in modo negativo gli esiti del Palio.
Bachicche era probabilmente più abile degli altri a leggere la mossa, come nel luglio 1867 quando, dopo ben tre allineamenti saltati, riuscì a partire tra i primi ed a vincere per il Nicchio. Nell’agosto di quell’anno Bachicche centrò un altro cappotto personale firmando una pagina storica per Siena e per il Palio.
Ad assistere a quella carriera c’era, infatti, Giuseppe Garibaldi giunto a Siena l’11 agosto insieme a quattrocento volontari.
Bachicche, nella Lupa, vinse alla grande respingendo a forza di nerbate gli assalti della Selva su cui correva Pietro Paolo Rocchi detto “Paolaccino”, altro fantino blasonato dell’epoca con tredici vittorie all’attivo.
A fine corsa il fantino e l’intera comparsa della Lupa si recarono presso l’albergo “Aquila Nera” per rendere omaggio a Garibaldi il quale, rimasto entusiasta dello spettacolo, rivolgendosi a Bachicche disse: “Non sono che un povero soldato e non posso darti che questa fotografia…” Sul prezioso cimelio il generale appose anche una dedica: “A Mario Bernini, campione della Lupa vittoriosa, augurio della vittoria di Roma !”
Ma oltre che per le sue vittorie Mario Bernini entrò nella storia anche per i suoi eclatanti tradimenti. Nell’agosto 1873, per esempio, dopo aver trionfato a luglio nell’Istrice fu montato dalla Pantera su un primo cavallo.
La corsa di Bachicche fu però molto deludente, nonostante una pronta partenza, il Palio fu vinto dalla Chiocciola con l’empolese Gilocche.
Il rientro in Stalloreggi non fu dei più tranquilli, infatti, tale Momo Dinelli, panterino appassionato, tentò di dare fuoco a Bachicche gettando del petrolio sugli abiti del fantino che però riuscì a cavarsela per l’intervento tempestivo di altri contradaioli.
Clamoroso anche il tradimento ai danni della Lupa nel Palio d’agosto del 1877 quando Bachicche, in seconda posizione col miglior cavallo, favorì in modo netto la vittoria di Pirrino nell’Oca fermando con poderose nerbate l’impetuosa rimonta di Leggerino nella Torre.
A fine Palio lupaioli e torraioli si unirono compatti nella ricerca del traditore che però trovò rifugio in Fontebranda, dove rimase nascosto per ben tre giorni, mentre i suoi vestiti vennero inchiodati al campanile della chiesa della Lupa…
L’anno successivo Bachicche chiuse il momento più buio della sua carriera vincendo per la terza volta nel Nicchio: sfruttando, ancora una volta, l’enorme confusione alla mossa partì primo e tale si mantenne per l’intera durata della carriera.
Dopo questa vittoria Bachicche, su proposta di un prete, influente protettore del Nicchio, ebbe in dono dalla contrada la casa di Via dei Pispini in cui abitava da tempo.
Dopo la vittoria nella Selva dell’agosto 1879 Bachicche si legò particolarmente alla Chiocciola, conquistando per San Marco i suoi due ultimi allori non risparmiando, tuttavia, i suoi ormai consueti colpi bassi…
La vittoria del 1882 fu abbastanza netta, mentre la tredicesima ed ultima affermazione, quella del luglio 1885, nel Palio detto “degli zoppi” per i tanti infortuni nelle prove, confermò ancora una volta la forza e la scaltrezza di Bachicche.
Pur non disponendo del migliore cavallo il fantino chiocciolino riuscì ad inserirsi nelle prime posizioni ma la vittoria sembrava destinata al Montone, nettamente primo con Leggerino. Il fantino dei Servi, invece, negli ultimi metri venne passato da Bachicche e fu opinione generale che Leggerino avesse fatto di tutto per favorire la Chiocciola, infatti, un giornalino dell’epoca scrisse: “…dopo tante peripezie di cavalli zoppi e sciancati il Palio del 2 luglio fu vinto dalla Chiocciola auspice il famoso fantino Bernini Mario detto Bachicche…Sicuro, non tutti i giorni capita la fortuna di avere un competitore che non vuol vincere…”
Conquistata la tredicesima vittoria, nell’agosto successivo, Bachicche fu rimontato dalla Chiocciola per montare il forte Lupetto con concrete speranze di cappotto.
Ma era giunto il momento di rendere il favore a Leggerino che disputava quel Palio per l’Oca.
Il fantino ocaiolo, presa la testa al primo San Martino, vinse nettamente con Bachicche secondo a controllare le inseguitrici trattenendo palesemente l’impetuosa potenza del suo barbero.
A fine Palio l’esperto fantino, invece, sfruttò tutta la velocità di Lupetto scappando dalla piazza in groppa al suo destriero col giubbetto della Chiocciola indosso.
Consumato l’ennesimo tradimento Bachicche tornò in piazza dopo un anno di assenza, correndo ancora nella Chiocciola per poi chiudere la sua carriera nell’agosto 1889 nel Montone.
Anche per Mario Bernini, come per molti altri fantini, l’addio al Palio fu traumatico, ridotto quasi in miseria nel 1896 fu costretto a vendere, per 219 lire, alla Contrada della Lupa la preziosa foto donatagli da Garibaldi nel 1867.
Il 27 dicembre 1902, a sessantacinque anni, finiva i suoi giorni Mario Bernini detto “Bachicche” il più grande “eroe – traditore” del Palio.

Articolo di Roberto Filiani tratto da "Il Carroccio"

ALTRI CAPITOLI INERENTI

LE SCHEDE DEGLI ALTRI FANTINI
I FANTINI VITTORIOSI DI TUTTI I TEMPI
LE DATE DI NASCITA
LE STATISTICHE SULL'ETA'
PROCESSI E FATTI CURIOSI SUI FANTINI


     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena