15 agosto 1870
ONDA



L'ordine NON è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

B. di G.Coradeschi TARTUCA Citto
B. di G.Chiantini TORRE Cecco
M. di E.Cecconi CHIOCCIOLA Mecarello
B. di F.Grassini OCA Mascherino
B. di L.Venturini ONDA Paolaccino
M. di L.Grandi NICCHIO Bachicche
G. di G.Bianciardi DRAGO Gambino
B. di A.Amaddii CIVETTA Marzialetto
G. di G.Bergamini SELVA Rocco
B. di L.Venturini ISTRICE Girocche

GIUDICE DELLA MOSSA: Antonio Moriani

CAPITANO VITTORIOSO: Filippo Cerretani
PRIORE VITTORIOSO: Cesare Pannilunghi

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1868
Il fantino non vinceva dal 16 agosto 1868




  
Vinse l'Onda con la cavalla baia scura di Leopoldo Venturini. La corsa non riuscì di alcuna soddisfazione, attesa la pessima mossa. Usciti i fantini dal cortile del Podestà per portarsi al canape, allorquando furono giunti alla voltata del Casato, senza che ne avessero avuto il relativo segnale, posero in carriera i loro cavalli, di guisa che i mossieri furono costretti ad abbassare il canape onde evitare disgrazie, dando però subito il segnale di cattiva mossa. Posti di nuovo in ordine i fantini venne data la mossa, e l'Onda partita prima non fu più raggiunta da alcuno, onde vinse il palio senza avere avuto il minimo contrasto. Il fantino della Civetta, essendosi permesso di prendere per la briglia il cavallo del Nicchio al canape e tenerlo per quasi mezza girata, e così avanti del punto permesso (Fonte Gaia) venne condannato dal Tribunale, e la Giunta Municipale con deliberazione 7 gennaio 1871 in base alle disposizioni sanzionate dall'art.19 dell'ordinanza della Prefettura di Siena del 1° Agosto 1870 decretava la espulsione per 3 anni dalla Piazza di Siena del suddetto fantino Santinelli. Nelle sere 15,16,17 Agosto fu eseguito nell'ex forte S.Barbera il grandioso spettacolo "La scacciata degli Spagnoli" (epoca 1552), azione mimica, lirica, danzante, ove presero parte circa 300 attori, le comparse delle Contrade e 4 corpi musicali. Questo spettacolo diretto da Lodovico Pedani(? di Pesaro ottenne un successo magnifico.

(Da "I quaderni del Griccioli" della Nobil Contrada dell'Aquila)