VITI   LEONARDO
(Canapino II) 3/46

Nato ad Acquaviva di Montepulciano (SI) il 12 maggio 1942
Morto a Siena il 29 marzo 2007
Figlio di Canapino (Enrico Viti)
E' esistito pure un cavallo omonimo (vedi)

1. 2 luglio 1960 CHIOCCIOLA Uberta
2. 16 agosto 1960 CHIOCCIOLA Rosella
3. 5 giugno 1961 1 SELVA Briosa
4. 2 luglio 1961 CIVETTA Belinda
5. 16 agosto 1961 BRUCO Balsamina
6. 2 luglio 1962 TORRE Topolone
7. 2 luglio 1963 PANTERA Topolone
8. 2 luglio 1964 CHIOCCIOLA Crezio
9. 16 agosto 1964 PANTERA Olimpico
10. 2 luglio 1965 VALDIMONTONE Danubio della Crucca
11. 16 agosto 1965 VALDIMONTONE Topolona
12. 2 luglio 1966 PANTERA Archetta II
13. 17 agosto 1966 TARTUCA Archetta II
14. 2 luglio 1967 TARTUCA Topolone
15. 16 agosto 1967 TARTUCA Sambrina
16. 24 settembre 1967 1 LEOCORNO Sambrina
17. 2 luglio 1968 VALDIMONTONE Sambrina
18. 16 agosto 1968 VALDIMONTONE Danubio della Crucca
19. 2 luglio 1969 TARTUCA Ringo
20. 16 agosto 1969 TARTUCA Livietta
21. 21 settembre 1969 1 DRAGO Vandala
22. 2 luglio 1970 LEOCORNO Livietta
23. 16 agosto 1970 LUPA Gabria
24. 2 luglio 1971 PANTERA Mirabella
25. 16 agosto 1971 TORRE Topolone
26. 2 luglio 1972 LUPA Pelé
27. 16 agosto 1972 TARTUCA Musella
28. 17 settembre 1972 1 BRUCO Panezio
29. 2 luglio 1973 BRUCO Marco Polo
30. 16 agosto 1973 BRUCO Musella
31. 2 luglio 1974 SELVA Rimini
32. 2 luglio 1975 BRUCO Urbano
33. 17 agosto 1975 VALDIMONTONE Rimini
34. 2 luglio 1976 TARTUCA Tobruk
35. 18 agosto 1976 TARTUCA Quadrivio
36. 2 luglio 1977 LEOCORNO Lamadina
37. 16 agosto 1977 PANTERA Teseo II
38. 3 luglio 1978 TARTUCA Quebel
39. 16 agosto 1978 TARTUCA Lamadina
40. 4 luglio 1979 NICCHIO Utrillo
41. 16 agosto 1979 ISTRICE Niagara
42. 2 luglio 1980 ISTRICE Valet
43. 2 luglio 1981 DRAGO Torquato Tasso
44. 16 agosto 1982 CIVETTA Canapino
45. 16 agosto 1985 PANTERA Bizzarro
46. 13 settembre 1986 1 TORRE Bizzarro

1 Palio straordinario.





       

I VIDEO DI MASSIMO REALE





Umberto Poggiolini racconta

    


La fama di Canapino (detto anche Canapino II, in quanto anche il padre Enrico Viti era fantino ed era pure lui soprannominato Canapino) si lega al Palio di Siena, corsa nella quale il fantino senese ha disputato ben 46 carriere, vincendone 3.
Viti esordisce al Palio a soli 18 anni, il 2 luglio 1960. La Chiocciola ha ricevuto in sorte la fortissima Uberta de Mores e affida le proprie chances al giovane fantino.
Forse complice l'inesperienza e il deciso ostacolo della rivale Tartuca, Canapino parte attardato: quando riesce a staccarsi dalle retrovie e a lanciare Uberta, la battistrada Selva, con Tristezza su Tanaquilla, è ormai imprendibile.
La prima vittoria giunge tre anni dopo. Il 2 luglio 1963 Canapino corre per la Pantera (che nel precedente Palio è divenuta la nonna) con il grande Topolone (in quella carriera ribattezzato Eucalipto). Il cavallo non ha ancora mai vinto, ma già lascia presagire la gloriosa strada che lo farà grande (7 vittorie in tutto). Canapino parte benissimo, preceduto solo dal Montone con Rondone su Beatrice. Le due battistrada procedono in quest'ordine fino al Casato, quando Canapino raggiunge Rondone e, dopo uno scambio di nerbate, prende il comando. La potenza di Topolone è evidentissima e consente alla Pantera di vincere e di "scuffiarsi" alla prima occasione.
Seguono anni poco fortunati per Canapino, che nel 1966 si lega alla Tartuca. Già al primo Palio (la turbolenta carriera dell'Assunta di quell'anno) con Canapino, la contrada di Castelvecchio subisce l'onta della "purga", con la rivale Chiocciola che vince con Canapetta su Beatrice. Nonostante ciò la Tartuca rinnova la fiducia a Canapino, che il 2 luglio 1967 corre di nuovo su Topolone (ribattezzato in quella carriera Ettore). La carriera non parte nel migliore dei modi per la Tartuca, che all'ingresso della Lupa di rincorsa è addirittura rigirata. Nonostante ciò Canapino non demorde e tenta comunque una disperata rimonta. Alla testa della carriera si succedono Aquila e Bruco, finché una caduta generale porta in testa la Lupa e rimette improvvisamente in corsa la Tartuca. Lupa e Aquila guidano la corsa, ma all'inizio del terzo giro vengono sopravanzati da Istrice e Civetta. L'epilogo della gara è incredibile. I fantini di Istrice e Civetta, rispettivamente Tristezza e Bazza, si ostacolano a vicenda e a San Martino non riescono a girare. La Lupa torna in testa, ma lo stremato cavallo Danubio si ferma, facendo cadere il fantino Canapetta. A quel punto Canapino si ritrova incredulo al comando e con lo zucchino calato sugli occhi taglia il terzo bandierino e regala ai tartuchini un Palio che sembrava già perso.
Dopo una grossa delusione il 2 luglio 1968 (quando Canapino, col giubbetto del Montone su Sambrina, sfiora la vittoria ma esce battuto dal duello col quasi omonimo Canapetta, che vince per la Chiocciola), giunge per Canapino la terza vittoria. È il Palio del 2 luglio 1971 e Canapino torna alla Pantera per montare la cavalla Mirabella. La mossa vede la Contrada di Stalloreggi partire fortissima, mentre le favorite Nicchio e Istrice restano attardate. A San Martino la Pantera precede il Drago e proprio l’Istrice e il Nicchio. Canapino e Morino, fantino dragaiolo, tentano ciascuno di ostacolare l’altro: ha la peggio Morino, che cade travolgendo anche Ciancone, al suo ultimo Palio, e Rondone (rispettivamente fantini di Istrice e Nicchio). Nello scontro pure Canapino rischia di cadere, ma perde solo lo zucchino e lancia Mirabella verso la vittoria.
La terza vittoria resterà però anche l’ultima. Clamorosamente nei successivi 15 anni di attività paliesca, Canapino non riuscirà più a vincere a Siena. L’ultimo Palio corso fu lo straordinario del 13 settembre 1986, quando difese i colori della Torre su Bizzarro. Il 29 giugno 1999 fu la sua ultima apparizione sul tufo: corse la prima prova nella Selva su Cattolica.
Come molti altri fantini senesi, Canapino ha preso parte a diverse edizioni del Palio di Asti. Qui ha colto una vittoria, nel 1986 per Nizza su Varigino (ribattezzato nell’occasione Elf).
Canapino ha corso inoltre numerose edizioni del Palio di Legnano, ove ha trionfato nel 1978, nel 1980, nel 1982 e nel 1985 per la Contrada di San Bernardino.
Ha vinto inoltre al Palio di Castiglion Fiorentino nel 1979 su Valsandro per il Cassero.
A partire dal 2007 è stato istituito il Memorial Leonardo Viti, serie di corse a pelo con cavalli purosangue e mezzosangue. Si svolge ad Acquaviva di Montepulciano

Biografia tratta da Wikipedia





ALTRI CAPITOLI INERENTI

LE SCHEDE DEGLI ALTRI FANTINI
I FANTINI VITTORIOSI DI TUTTI I TEMPI
LE DATE DI NASCITA
LE STATISTICHE SULL'ETA'
PROCESSI E FATTI CURIOSI SUI FANTINI


     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena