2 luglio 1975
ISTRICE


L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
* Fantino esordiente

Ringo DRAGO Canapetta
Rondine II NICCHIO Galletto *
Orbello OCA Aceto
Rio Marin LUPA Tristezza
Pitagora AQUILA Bazza
Quebel ONDA Ercolino
Rucola CIVETTA Liscio
Lucianella II PANTERA Morino VI
Rimini ISTRICE Ragno
Urbano BRUCO Canapino II

MOSSIERE: Ilario Atanasi


    



CAPITANO: Paolo Nannini
PRIORE: Guido Jappini
MANGINI: Emo Biliorsi - Ernesto Zazzeroni
BARBARESCO: Giancarlo Rosati

La contrada non vinceva dal 17 settembre 1972
Unico Palio vinto da questo fantino




  
Senza Panezio l'unico cavallo ad aver vinto in precedenza è Orbello che tocca all'Oca, tuttavia, nonostante la monta di Aceto, questo soggetto non è più in grande forma. Le attenzioni si spostano sull'esperto Ringo nel Drago, con Canapetta all'ultimo Palio, sulla veloce Rucola e sulla purosangue Lucianella, una debuttante che fa ben sperare la Pantera che "rispolvera" Morino dopo quattro anni di assenza. Dalla mossa parte primo l'Istrice, con una coppia poco accreditata, Ragno e Rimini che hanno già corso insieme nell'agosto 1974 per la Pantera. Buone anche le fiancate di Oca e Onda, mentre partono male Nicchio, Pantera e Civetta, per la Contrada del Castellare l'indecisione di Liscio è determinante per gli esiti della Carriera. Al primo San Martino girano nell'ordine Istrice, Oca e Drago. Aceto si spegne subito e protagonista diventa Canapetta che prende la testa e la mantiene per un giro. Al secondo San Martino finisce ai materassi la portentosa rimonta di Pitagora nell'Aquila, Drago e Istrice sono costrette a lasciar spazio alla Pantera. Lucianella, dopo una pessima partenza, fila velocissima, al secondo Casato è prima, ma all'ultimo San Martino non curva. L'Istrice si ritrova di nuovo primo, vano l'ultimo tentativo della Civetta che arriva staccata di pochissimo, dietro, quasi in fila indiana, Oca e Drago. Per la Contrada di Camollia un successo insperato in una Carriera ricca di colpi di scena. Ultimo Palio per Saro Pecoraro detto "Tristezza", vent'anni esatti in Piazza del Campo con quarantuno presenze e cinque vittorie.

(Da "Daccelo!" di Roberto Filiani)


















LE CADUTE DEI FANTINI








NUMERO UNICO





Cliccate qui per vedere il video della carriera