www.ilpalio.org

16 agosto 1797
AQUILA



Ricorsa di agosto indetta dagli abitanti della Tartuca
L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

* Fantino esordiente

M. di G.Baldini TARTUCA Gigi Bestia
B. di G.Righi TORRE Ciocio
M. di A.Cortecci VALDIMONTONE Piaccina
M. di A.Livi PANTERA Niccodemo
G. di L.Pianigiani DRAGO Dorino
M. di G.Gigli CIVETTA Bastiano di Sughereto *
M. di G.Baldini AQUILA Gobbo Chiarini
B. di F. di Grazia GIRAFFA Botto
M. di G.Pignotti BRUCO Sansoncino
M. di S.Ceccarelli ONDA Biggéri

GIUDICI DELLA MOSSA: Giulio Bianchi e Domenico Placidi

CAPITANO VITTORIOSO: Cesare Lippi

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1796
Unico Palio vinto da questo fantino




In segno di allegrezza per la vittoria riportata nel Luglio, gli abitanti della Tartuca fecero ricorrere a proprie spese un palio col premio di quaranta talleri.
Questa fu la prima volta in cui la Contrada che fece ricorrere il palio vi prese parte.
In principio di corsa fu prima l'Onda quindi venne passata dal Montone, ma al 3° giro davanti al Chiasso della Gigia (vicolo dei Borsellai) l'Onda raggiunse nuovamente il Montone, e mentre ambedue i fantini si nerbavano a vicenda, furono alla voltata di S.Martino passati improvvisamente dall'Aquila, che non più raggiunta da alcuno vinse il palio avendo per fantino Giuseppe Chiarini detto il Gobbo.
Il Bruco e la Giraffa si chiapparono alla mossa, come pure si chiapparono Pantera e Tartuca.
Le migliori comparse furono quelle dell'Aquila, Pantera e Civetta. La 1ª fece una comparsa di persone vestite da antiquarii. la 2ª rappresentò il generale Scaramuzza con i suoi seguaci vestiti di nero alla spagnola; la 3ª fece una comparsa di persone vestite di nero all'olandese.
In questa corsa si cominciò a praticare il costume di sparare due colpi di mortaretto prima della mossa.

(Da "I quaderni del Griccioli" della Nobil Contrada dell'Aquila)