www.ilpalio.org

- IL DIARIO SANESE DI ANTONIO FRANCESCO BANDINI -
“Notizie sulle Contrade e sul Palio (1785 – 1838)”
Trascrizione a cura di G. B. Barbarulli, Contrada della Tartuca, 2009




Luglio 1833
- DRAGO -






cliccando sulla copertina si accede alla scheda del Palio







               
12 maggio. Fatti i Consigli alle Contrade per il Capitano.
In quest’oggi circa le ore quattro si sono fatti i Consigli alle 17 Contrade della Città per la locazione dei nuovi /o conferma dei vecchi/ Capitani, il tutto è seguito con ordine ed’a forma degli Ordini del nostro Governo, il p.mo fù il Cav. Giulio Bianchi Governatore che così stabilì.

18 d. [giugno] Sortita delle Contrade, e nota di quelle che corrono d’obbligo.
In questa mattina nelle Stanze della Comunità Civica presente il Gonfaloniere, Capitani, siè fatta l’estrazione per il due luglio Corsa, per le Contrade che non corrono d’obbligo, e sono sortite Montone= Aquila=, e Drago. Per quelle che corrono d’obbligo sono Tartuca= Oca= Selva= Pantera= Torre, Giraffa, e Civetta.

29 giugno, SS. Pietro, e Pavolo Apostoli. Si danno i cavalli alla tonda.
In questa sera alla Porta della Comunità Civica si dispensano i cavalli per la Corsa alla tonda del 2 luglio p.o av.e. [prossimo a venire].

P.mo luglio. Palio affisso, e Notificazioni relative alla Corsa del due luglio 1833.
Sec.do il consueto è stato affisso alla Porta della Comunità Civica il drappellone per la Corsa di domane, con le Armi gentilizie dei SS.ri della Festa di quest’anno, e sono= Il Nob. Sig. Girolamo di Guigia Griccioli, Cav. Nob. Sig. Muzzio Cinughi, e Nob. Sig. Giuseppe Orlandini vedovo della Mignanelli. Siccome le respettive Notificazioni relative alla Corsa, fantini, Contrade.

2 luglio. Anedotti della Corsa del 2 luglio 1833.
Carriera nella Piazza del Campo. Circa le ore 6½ cominciarono ad’entrare in Piazza le Contrade, e p.mo il Carroccio con le bandiere delle Contrade che non avevano luogo alla Corsa, poscia le Contrade una dietro all’altra sec.do il consueto, e con fare sole tre sbandierate al Palco dei Giudici, al Casino, ed’al Palazzo del Governatore Chigi, dato il segno per l’accesso delle Contrade al canape, avendo i fantini ricevuto il nerbo, il Drago e Montone appettando il canape /nel mentre che le altre erano lontane/ gli fù lasciato in balìa il med., ma che il Montone insuffatosi il cavallo con le gambe nel canape fece cadere il fantino, il cavallo corse scosso, con il Drago pieno, e fecero due girate buone, e furono rimessi al canape, con minaccia di bastonate, carcere, e stiedero buoni, andato giù il canape scappò il Montone, poi il Drago, e si mantenne p.mo, ed il Drago [Montone] sec.do. Il Drago vinse il Palio. /E siccome nella Contrada dell’Oca con buon cavallo viera il Gobbo Saragiolo, consueto a millantare/ fù questo tenuto, battuto e tenuto indietro dalla Pantera, Civetta, ed’i SS.ri Ocajoli pure millantatori che volevano per forza vincere il Palio, furono così audaci che dietro la Comparsa mentre girava in Piazza la sua Contrada, a tre, ed’a quattro marciavano con baldanza, facendo vedere al Pubblico di volere fare cose di fuoco. Ma vinto il Palio dal Drago bagnati, bagnati rientrarono nelle loro strade. Quanti anni sono che il Drago non ha vinto delicatezze dell’Ocajoli. Il Drago vinse il 2. luglio 1763 sono anni 70= d’agosto il 16 del 1786 sono 47. Vinto il Palio girarono per tutta Siena, ma l’Ocajoli benché alleati con il Drago, gli mandarono via a forza di sassi, sono educati i Fonteblandini [!].

3 luglio. SS.ri della Corsa del 2 luglio 1834.
I SS.ri del Brio per la Corsa del 2 luglio 1834 sono Saracini Cav. Marc’Antonio, Bargagli Giuseppe di S. Agostino, Alessandro M.o Bichi Ruspoli. Palio in giro. Il Palio per tutto il giorno in giro sec.do il consueto.