www.ilpalio.org

2 luglio 1652
martedì





- prima di iniziare la lettura, si consiglia di leggere l'introduzione -



Palio presente nel Registro Ufficiale delle Vittorie, ma del quale non sono pervenuti testi comprovanti la vittoria della Torre che se lo attribuisce, indicando come fantino il "solito" Mone. Non è da scartare neppure l'ipotesi che questo sia stato uno dei tanti mai affettuati.
Merita ricordare che presso la sede Comunale esiste un Registro Generale delle Vittorie, costantemente aggiornato, in cui sono elencati tutti i Palii ufficialmente riconosciuti.
Questo registro ebbe origine dalla semplice iniziativa di un archivista comunale, Augusto Ginanneschi, che nel 1888 compilò un elenco di quelli corsi in Piazza del Campo.
La veridicità di questo elenco fu negata dallo stesso compilatore, che in data 6 agosto 1894 scrisse al Sindaco specificando che quello che lui aveva annotato non aveva nulla di autentico e di ufficiale, "perché redatto dal sottoscritto vari anni sono, in base e completamento a quello pubblicato dal Conte Antonio Hercolani nella sua storia e costumi delle Contrade di Siena dell'anno 1845"1.
Senonché il sincero avvertimento dell'archivista non fu sufficiente a impedire che l'elenco da lui compilato approdasse sui lidi dell'ufficialità e così il Comune, cancellando con un colpo di spugna tutti i dubbi irrisolti, di fatto fece proprio il testo del bolognese Hercolani, “Storia e costumi delle Contrade di Siena”, autorizzando in tempi successivi, sempre con deliberazioni di Giunta, l'iscrizione di alcuni Palii ignorati dal Ginanneschi, come quelli "alla Romana"2 e quelli con i cavalli sciolti, riconosciuti solo nel 1931.
A fronte di ciò, neppure al cospetto di una valida documentazione e per evitare contrasti con i popoli delle Contrade, il Comune vi ha voluto apportare correzioni o cancellazioni, mostrando di voler considerare definitive le verità proposte dal Conte Hercolani, la cui fragilità è ampiamente dimostrata.


NOTE:
[1] ACS, carteggio X.A. cat X.B. doc n.3
[2] I Palii cosidetti "alla romana" vennero dapprima riconosciuti quelli conseguiti dall'Oca, quindi con delibera Comunale della Giunta Municipale del 4 agosto 1907, n. 805 anche gli altri del Nicchio, della Lupa e del Bruco. 


ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE









RIEPILOGO
VITTORIE
DAL 1633
AL 1691