www.ilpalio.org

2 luglio 1651
domenica





- prima di iniziare la lettura, si consiglia di leggere l'introduzione -



Il Comune riconosce questo Palio alla Tartuca, ma su di esso non vi sono atti, se non due citazioni.
La prima compare in un minuscolo manoscritto anonimo settecentesco, facente parte della collezione Chigi Saracini1, che riporta alcune cronache delle carriere disputate nei secoli XVI e XVII e l'altra in un volume oggi conservato nella Biblioteca Comunale degli Intronati2.
Nonostante che i manoscritti evidenzino macroscopiche inesattezze, tali da renderli storicamente inaffidabili, la Tartuca si attribuisce questo Palio, indicando Mone come fantino.
Poiché i documenti contabili della Contrada di via Tommaso Pendola che sono giunti a noi iniziano nel 1657 e quelli delle adunanze nel 1663, resta arduo, se non impossile, effettuare ulteriori verifiche.
Anche Virgilio Grassi nutre scetticismo sul Palio di quest'anno, sottolineando che: "per i cinque anni seguenti che vanno dal 1651 a tutto il 1655, alcuni elenchi registrano corse eseguite con una inconsueta regolarità nel giorno 2 luglio, insieme al nome della contrada vincitrice e al fantino vincitore. La mancanza di ogni documento ad esse relativo... toglie ogni autorità a quelle arbitrarie registrazioni e le fa ritenere come ricostruzioni posteriori per collegare la data del 1650 a quella del 1656", indicata da tutti gli storici come quella dell'inizio regolare del Palio.


NOTE:
[1] ACSS, XVI.6.E.8, anonimo, ms, c.s.n.
[2] BCS, A.VI.47, Relazione delle Rappresentanze, Spettacoli e Comparse fatte dalle Contrade ecc., anonimo, ms, p.80 


ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE









RIEPILOGO
VITTORIE
DAL 1633
AL 1691