www.ilpalio.org

- IL DIARIO SANESE DI ANTONIO FRANCESCO BANDINI -
“Notizie sulle Contrade e sul Palio (1785 – 1838)”
Trascrizione a cura di G. B. Barbarulli, Contrada della Tartuca, 2009




Settembre 1824
- OCA -






cliccando sulla copertina si accede alla scheda del Palio







               
16 giugno. Editto per il Palio alla tonda del dì 2 luglio.
L’Editto Comunitativo porta in sostanza che S. A. I., e R. siè degnata approvare la Carriera dei cavalli per il 2 luglio p.o avv.e, onde quelle che vogliono fare la loro istanza per correre il d. giorno, viè tempo fino al 21 di questo mese di giugno, seguendo l’estrazione di quelle che non corrono d’obbligo la mattina del 23 dello stesso mese.

21 giugno. Morte di S. A. I., e R. di Ferdinando III Granduca di Toscana.
Con le lettere di Firenze di ieri mattina s’intese l’infausta nuova che S. A. I., e R. di Ferdinando III principe Imperiale d’Austria, Principe Reale d’Ungheria, e di Boemia, Arciduca d’Austria, Granduca di Toscana passò agli Eterni Riposi i giorno di venerdì scorso in età d’anni cinquantacinque, mesi uno, giorni 12, essendo nato il 6 di maggio 1760, dopo avere sofferto una malattia d’infiammazione, presa questa nella Valdichiana, essendoli presa la febbre il sabbato avanti. Fù ordinato che la sera del 20. 21, e 22 dalle ore ventiquattro, fino all’un’ora di notte fossero sonate le campane a morto. In seguito …

23 giugno. Ordine del feriato e del bruno [della chiusura per lutto].
L’ordine di questa mattina porta che il feriato per Firenze è stato compreso nel dì 20. 21, e 22 stando esposto il cadavere di Ferdinando 3°. E’ venuto l’ordine del bruno per mesi sei grave, mesi sei leggiero colla traumatica del vestiario [!].

29 giugno, SS. Pietro, e Pavolo Apostoli. Per il bruno sospesa la Corsa del 2 luglio.
In questa sera secondo il consueto dell’anni scorsi si davano i cavalli alla Porta Comunitativa per la Corsa del 2 luglio, mediante il bruno del Sovrano, tutto è sospeso.

2 luglio. Senza suono delle campane del Pubblico, Banda, trombe.
Per tale oggetto non sono suonate /sec.do il consueto le campane del Pubblico/ ne tampoco la Banda, trombe. E ciò per la morte seguita di S. A. I, e R. l’Arciduca Ferdinando d’Austria Granduca di Toscana, fin del dì 18. dello scorso mese, e ne tampoco viè il Palio, che cadeva quest’oggi. La Città per tutte queste vicende è nella massima angustia.

3 agosto. Descrizione della Pompa funebre fatta nella Metropolitana per il Catafalco fatto per S. A. I, e R. Ferdinando III. Vedasi in fine il Catafalco sotto N. 23.
Descrizione della Funzione funebre fatta in questa mattina ...

13 agosto. Senza scelta dei cavalli per la Corsa del 16.
Gli altri anni doppo la Novena alla Metropolitana si faceva la scelta dei cavalli alla Porta della Comunità per la Corsa alla tonda del 16 di questo mese, mediante il bruno Ferdinandino.

15 agosto, Assunzione di Maria SS.ma. Festa principale della Città e Stato di Siena.
Festa principale della nostra Città, e nostra Protettrice, ed’Avvocata. Pontificale … . Senza suono delle Campane del Pubblico, Banda. Finita la Funzione nella med. forma sono andati via senza Palio alla lunga, senza prove alla tonda, onde si poteva asserire assolutamente =Festina= Poco Concorso.

20 settembre. Editto per la Corsa del Palio per il 26 di settembre corrente.
L’Editto della Comunità Civica porta in sostanza che S. A. I, e R. con suo Rescritto del dì 16 di questo mese ha approvata la Corsa del 2 luglio scorso farsi in questo mese, onde fà intendere ai Capitani della Città, che si presentino la mattina del 21 di settembre nelle Stanze della Comunità per essere spettanti alla tratta per la Corsa da farsi il 26. med. con quel più in esso Editto, e con il premio di Talleri sessanta. Fù spedito il d.o Rescritto per espresso sabbato scorso a questo Governo verso le ore due pomeridiane.

21 settembre. Funzione profana fatta alla Comunità Civica per l’Estrazione delle Contrade.
Altra Funzione profana è stata fatta nelle Stanze della Cancelleria Comunitativa cioè l’estrazione delle Contrade per Domenica 26 stante, a forma del notato Editto quelle che correvano d’obbligo il 2 luglio erano Leocorno= Civetta= Tartuca Bruco= Nicchio= Giraffa= e Istrice della sorte Oca= Drago= Pantera quelle estratte sono= Oca= Drago= e Pantera [evidente ripetizione].

26 settembre, Domenica. Senza prove senza Palio.
Ne sabbato, ne in questa mattina si sono fatte le prove mediante la caduta delle acque, e ne tampoco in questo dì 26 settembre siè corso il Palio, e si spera che sarà corso domane, se si rifarà il tempo.

27 settembre. Acqua assai, e con durata, sole, nubi tramontana e spulito, e bello.
Il tempo a cominciato a piove assaj forte … . Ordinato la prova in questa mattina, e poi non siè più voluto. Essendosi fatto tempo ragionevole è stato accordato ai fantini, e Contrade di fare la prova in Piazza circa alle ore dodici, erano per principiare la med.a, il Cav. Adriano Pieri mossiere siè portato al Chiasso Largo a dare l’ordine, che non corressero altrimenti, non si sa chi gli abbia data quest’incumbensa. Egli sarà probabilmente mossiere. Belle cose di Siena.

28 settembre. Carriera alla tonda seguita il dì 27 settembre 1824.
Descrizione del Palio alla tonda di ieri, alle ore 5 1/2 c.a entrarono in Piazza le Contrade, poche sbandierate fecero, il segnale fù dato, ed’i fantini, e cavalli, s’appressarono alla voltata del Casato per prendere il nerbo, furono posti in fila per accostarsi al canape, ma vi fù un poca di confusione, e mancò poco che non appettarono al canape, fù questi abbassato, e scappò p.ma l’Istrice con Niccoli Chiarini, e svoltò assaj bene a S. Martino, ma la sec.da voltata dall’Oca e Pantera, il p.mo il mugnaio Brandino [si tratta di Cicciolesso, uno dei fratelli di Brandino che correva nel Drago, anche lui mugnaio, v. il Palio di agosto del 1806], il sec.do Bonino gli si accostarono, che battendo delle nerbate nella testa del cavallo il Chiarini non poté fare a meno d’andare a S. Martino, essendo diretto il cavallo dalla med.a, e non si vidde più. Aneddoti accaduti. Vincita fatta dalla Contrada dell’Oca. Onde contrastarono il Palio per le altre girate fra la Tartuca che fù p.ma, perse il posto al Casato all’ultima girata, con il fantino Ghiozzo, ed’inallora cominciarono a tenersi, nerbarsi Pantera, ed’Oca, che arrivarono a vincita di Palio quasi uniti, ma l’Oca si buttò addosso alla Pantera, in maniera che trattenne il cavallo, e fantino, che con il solo capo vinse l’Oca, il Bruco con il Bracali, doppo le mosse fù stretto al colonnino passato l’angolo delle dd. mosse, battendo la spalla il cavallo, ed’il ginocchio il fantino, cadde, rimontò a cavallo, ma per il tempo perduto non poté più riarrivare i primi cavalli. Altri aneddoti. Le nerbate fra i p.mi cavalli furono assaj, ed’in fine anche la Civetta, Giraffa, Bruco, e Drago molto si nerbarono, ma per [essere, cancellato] avere le p.me due di qualità cattiva i cavalli, restarono a raccorre le sterne. Come fù dato il Palio. Al Palco dei Giudici vi andò a prendere il drappellone /che in questo viera dipinta la Madonna di Provenzano, le Armi del Card.e Cav. Flavio Zondadari, Gonfaloniere della Comunità di Siena Conte Giovanni Piccolomini, e di Niccolò Gori, come questo, che si costuma nel due di luglio/ tanto l’Oca, che la Pantera, ed’il drappellone non fù dato dalla parte della Piazza conforme il consueto, ma dalla parte delle scale che danno ingresso al palco med.o, onde fù duopo chiamare la Milizia per tenere a freno le dd. due Contrade, che finalmente fù dato all’Oca, che dalla furia di prendere il drappellone fù molto lacerato. Vedasi a 167t [tergo] i cognomi dei fantini [nota a lato sin.]. SS.ri della Corsa del Palio per l’anno 1825. Terminato il tutto l’Oca andò a Provenzano a ringraziare sec.do il consueto la Madonna e doppo furono nominati i Festaioli per il 2 luglio =1825. I Nobili SS.ri Conte Niccolò Tolomei, Conte Carlo de’ Vecchi, Dom.co Placidi.

29 settembre. Cognomi dei fantini che hanno corso il Piazza il 27 del corrente.
Mi scordai ieri di porre i cognomi dei fantini sopra i cavalli delle Contrade, che correvano
Leo – Foramacchie
Civetta – Ciccina Tremamondo
Tartuca – Ghiozzo
Bruco – Bracali
Nicchio – Pescino
Giraffa – Piaggina
Istrice – Chiarini d.o Niccoli
Oca – Brandino mugnaio Vincitore del Palio
Drago – Brandino il grosso
Pantera – Bonino