www.ilpalio.org

- IL DIARIO SANESE DI ANTONIO FRANCESCO BANDINI -
“Notizie sulle Contrade e sul Palio (1785 – 1838)”
Trascrizione a cura di G. B. Barbarulli, Contrada della Tartuca, 2009




Luglio 1811
- TORRE -






cliccando sulla copertina si accede alla scheda del Palio







               
26 giugno. Sortita delle Contrade a sorte e quelle che corrono d’obbligo.
Le Contrade che corrono d’obbligo il dì 2 lug. 1811 sono Tartuca, Bruco, Giraffa, Lupa, Istrice, Torre ed Oca= Quelle state estratte per il compimento delle 10 sono Selva, Onda, ed’Aquila.

29 giugno. Si danno i cavalli.
In quest’oggi verso le ore 23 si danno con il solito metodo i cavalli per la Corsa del due del prossimo luglio, alla Porta della Comune.

3 luglio. Anedoti del Palio del 2 luglio 1811.
I Deputati delle mosse del Palio alla tonda ieri furono i SS.ri Girolamo Gigli, ed Alessandro Mignanelli, queste furono in confuso non essendo bene al canape tutte le Contrade. Sortì prima l’Onda, l’Oca seconda, la terza la Tartuca, i due primi girarono, il terzo in S. Martino, e non si vidde più in corso cioè la Tartuca. L’Istrice chiappò la Selva e la condusse in S. Martino, ma buscò assai nerbate, l’Oca passò l’Onda, e la Torre, ma essendo andata pure in S. Martino la Giraffa attese l’Oca in d. posto che era prima alquanto, e la condusse alla terza girata in S. Martino, senza ricorrere. Qui passò avanti la Torre, retro l’Onda e terminò così il Palio. Segue. Ma essendosi dei dubbi che la Torre avesse fatte sole due girate, i Giudici delle riprese sequestrarono il Palio in bottega Rossi, dovendo decidere se lo ha vinto la Torre, o l’Onda, che terminata la Corsa andò subbito a prendere il Palio, poscia la Torre. Signori del Palio per il futuro anno 1812. SS.ri della Festa del due luglio 1812 che ieri sera furono tirati a sorte in Provenzano doppo la Carriera sono l’ex Cav.re di Malta e Commendatore Deifebo Pieri, il Sig. Flaminio Dei, il V. Giovanni Cosatti. Decisione del Palio in favore della Contrada della Torre. E’ stato poi dato alla Torre vincitrice il Palio corso ieri, e secondo il consueto sono andati a girare per la Città. Il fantino per nome Gio. Battista Paradisi di Monte Guidi, senza cognome [cioè soprannome, detto invece Pettiere].