- TUMULTI DOPO IL PALIO ALLA LUNGA DEL 15 AGOSTO 1691 -



Fra le Cause criminali dell'Archivio Arcivescovile di Siena, si trova un processo intolato: Tumulto dopo il Palio. La carriera a cui fa riferimento, venne corsa il 15 di agosto 1691 e non era alla tonda con fantini e contrade, bens alla lunga con cavalli sciolti, che dovevano giungere ad un traguardo posto in piazza del Duomo. Colui che riusciva a prendere le briglie del cavallo vittorioso, aveva diritto ad una mancia. Quel giorno fu Domenico, figlio di Giovanni Facchino di Dogana, il pi abile ad afferrare il morso del cavallo arrivato per primo. Bisognava essere determinati, perch il compenso, se pur modesto, era appetibile a tanti giovani. Fu per tal motivo che Domenico inizi a menar le mani per cercare di mantenere la presa, fin quando non intervennero i gendarmi che riconobbero in lui il colpevole della rissa. Gli sbirri usarono le maniere forti, malmenando il giovane e dimostrando di non avere remore a puntare gli archibugi verso la folla che non aveva gradito il loro duro intervento. La causa venne dibattuta dal Tribunale Ecclesiastico perch pare che la cattura fosse avvenuta all'interno del perimetro della Cattedrale, che ancor oggi riconoscibile per il diverso colore delle pietre del selciato, che sono di colore chiaro.
All'interno di questa delimitata area, i gendarmi non avrebbero dovuto operare perch territorio della Chiesa, come invece arbitrariamente fecero, almeno a detta di numerosi testimoni. Naturalmente gli sbirri si mostrarono di parere opposto...

(Archivio Arcivescovile di Siena n5576 CAUSE CRIMINALI - Quarta raccolta anno 1691 n 11)


  Avanti V. S. Rev.ma
L'Anno del Sig.re 1691. nell'Ind.ne 14. et il d quindici di Agosto

Il Caporale Carlo Pai Fameglio di Corte, non con animo di Calunnia ma per la mera Verit diede Notizia V. S. Rev.ma, come Pubblicamente h sentito dire, che dalli Famegli del Bargello di Piazza questo giorno doppo la Corsa del Palio sia stato Catturato personalmente Domenico, figliolo di Giovanni Facchino di Doghana dentro i limiti della Chiesa Metropolitana di questa Citt di Siena per preteso Tumulto nel pigliare i Barbari della Corsa, e di pi nel condurre detto catturato alle Segrete, quando sono stati vicini alla Parrocchiale di S.Desiderio, detto Domenico gli scappato dalle mani, e si salvato nelle scalelle di detta Chiesa
Li Famegli non ostante che quello fusse luogo immune, li sono corsi addosso, e doppo molte percosse dategli, tal segno che ne proceduta efflusione di sangue in dette scalelle, viva Forza l'hanno strascinato fuori dalla medesima, e condotto nelle Carceri Segrete del Capitano di Giustizia

  di questa Citt, e per il Comparente f Istanza procedersi contro li detti Famegli notati in pi della presente Comparsa, e Dichiararsi li medesimi essere incorsi nelle Censure comminate da SS. Canoni, e Bolle Pontificie e nelle Pene ecc., in ogni ecc.

Testimone Giovanni Battista Gricciuoli
Li Famegli sono:
Gio: Batta Baldini Tenente
.......... Bucalossi
Francesco Falusi detto Terminella
Vincenzo Guerrini
Giuseppe Fommei
Giuseppe ........ figliolo della Gingilla
Stefano Bruni detto il Tartaglia
............. detto Cola
Francesco Andreotti detto Basettone

omissis (il Vicario Generale procede al processo informativo)

Ad 15 Agosto 1691 Comp.e in Canc.ria ricercato, Gio: Batta di Lazzaro Gricciuoli testimone nominato, al quale deferito il giuramento, come giur e toccato, ecc. a delatione et esaminato
Int.o - dove sia nativo, che professione facci, e dove di presente habiti
R.e - Io son nativo di Siena, f il fabbro nella

  strada detta il Forno Bruciato, et habito sotto la Cura di S.Donato
Int.o - se si immagini della causa per la quale stato chiamato ad Esaminarsi
R.e - Signor si, che io me l'immagino
Dettogli, - che dica la detta causa
R.e - perche questa sera doppo la Corsa del Palio li sbirri hanno fatto prigione uno nella Piazza del Duomo
Int.o - chi sia stato fatto prigione
R.e - Domenico figliolo di Gio: facchino di dogana stato messo prigione
Int.o - per qual causa li detti Famegli habbino messo Prigione detto Domenico
R.e - io mi immagino perche il detto Domenico havendo preso per il Morso il Barbaro che haveva vinto il Palio, et essendovi altra gente che glielo volevano levare di mano, esso cominci tirar de pugni quelli che glielo volevano torre, et accorsivi li Sbirri, vedendo quel Tumulto, hanno cominciato a dare delle bocchate di Archibugio quelli che contrastavano per la presa di detto Barbaro, tra li quali ci ero io ancora

  e per mia disgrazia mi toccata una di dette percosse in un braccio, doppo haver levato a viva forza di mano il Barbaro che haveva vento il Palio detto Domenico, l'hanno fatto Prigione e condotto in Segrete
Int.o - se esso sappia, dove precisamente sia seguita detta Cattura
R.e - quando li Sbirri sono arrivati addosso detto Domenico per levargli il Barbaro, e successe poco pi lontano d'un braccio dalle scalelle del Duomo, ma in quella Barabuffa si sono allontanati un pochino pi, l'hanno staccato dal Barbaro, e condotto prigione
Int.o - se quando l'hanno staccato dal Barbaro fusse dentro il Cordone di Pietre, che f Confine alle Ragioni della Chiesa del Duomo
R.e - certo, che il detto Domenico, quando stato staccato dal Morso del Barbaro da detti Famegli era dentro il Cordone di Marmo, e lontano da esso pi di due Braccia verso le scale del Duomo, anzi perche al Popolo li pareva una Ingiustizia, Tutto cominci ad esclamare salvo, salvo

  Int.o - da qual parte della Piazza del Duomo detto Domenico sia stato fatto Prigione, se dalla parte principale in faccia allo Spedale, dalla parte del Fianco
R.e - era il detto Domenico nella Piazza del Duomo dalla parte del Fianco dalla parte della Colonna che riguarda il Palazzo di S.A.S.
Int.o - se doppo haver fatto Cattura di detto Domenico li detti Famegli l'habbino condotto direttamente nelle Segrete del Capitano di Giustizia
R.e - Signor s, ma nello scendere dalla strada di S.Desiderio, detto Domenico havendo fatto forza si aggrappato alle scalelle di detta Chiesa, e li sbirri essendogli addosso doppo avergli dato molta percosse, in maniera tale, che gli hanno cavato sangue, l'hanno strascinato fuori, e condottolo in Segrete
Int.o - se quando detto Domenico ha fatto forza di entrare nelle scalelle di S.Desiderio, detti Famegli habbino continuato di tenergli le mani addosso
R.e - signor si, perche celi ha strascinati

  Int.o - come esso possa asserire, quanto esso di sopra ha deposto
R.e - lo posso dire in coscienza, perch essendo io nella Piazza del Duomo, con animo di pigliare uno de Barbari, che correvano al Palio, et havendo preso il secondo Barbaro, da altra gente mi stato tolto dalle mani, et io ritiratomi alquanto a dietro, ho veduto fare la Cattura di detto Domenico, e l'ho seguitato fino al Portone del Palazzo del Sig. Capitano di Giustizia
Int.o - se conosca li Famegli che hanno fatto detta Cattura
R.e - il primo a mettere le mani addosso a detto Domenico stato Terminella sbirro, poi ci erano Gio: Batta Tenente, il Bucalossi, Tartaglia, Vincenzo Guerrini, il marito della Gingilla, un Basettone rosso, Giuseppe Fommei, e molti altri sbirri, che per essere forestieri non li conosco
Int.o - chi fosse presente a detta Cattura
R.e - ci era un'Infinit di Gente, e tra gl'altri Galgano vasaio a Porta Camullia, e Spergi


  Galline Facchino, li quali io h conosciuto che in quella Barabuffa non ho tenuto a mente chi fusse presente

(omissis) Immediate Fuit Examinatiis in Curia Galgano figliolo di Francesco Menicucci, giovane senese teste riconosciuto, ecc.

Int.o - se questo giorno sia stato vedere correre il Palio
R.e - Sgnor s
Int.o - dove fosse a veder la detta corsa
R.e - io sono stato nella Piazza del Duomo
Int.o - che cosa facesse nella Piazza del Duomo, dove il Fine della Corsa
R.e - io ci ero con Intenzione di guadagnare tre giuli, quando havesse hauto fortuna di pigliare qualche Barbaro
Int.o - chi habbia preso ritenuto il Barbaro che h vento il Palio

  R.e - l'ha preso Domenico figliuolo di Giovanni facchino di Dogana, ma al poveraccio gliene saputo
Int.o - che cosa voglia dire con quelle parole gliene saputo
R.e - perch oltre essere stato percosso dalli sbirri, stato ancora messo prigione
Int.o - per qual causa sia stato messo prigione
R.e - havendo detto Domenico preso per la briglia il Barbaro, che haveva vento il Palio, e molt'altra gente essendogli attorno per volerglielo levar dalle mani, esso ha cominciato a tirar delle Pugna, et essendovi accorsi li Sbirri oltre l'havergli levato viva forza il Barbaro, l'hanno messo Prigione
Int.o - se esso sia stato presente detta Cattura
R.e - Signor s, perche io ero uno di quelli che facevo forza di pigliare il Barbaro, che ha vento il Palio
Int.o - dove precisamente sia seguita detta Cattura
R.e - quando detto Domenico h preso il Barbaro era piedi delle scalelle del Duomo, et in quella Barabuffa gli sbirri gli hanno messo le mani

  addosso non lontano due braccia da dette scalelle
Int.o - se veramente li detti sbirri habbiano catturato detto Domenico dentro il Cordone, che f Confino alla Franchigia di Duomo
R.e - assolutamente l'hanno preso nella Franchigia, perche era lontano dal detto Cordone, verso le scalelle dentro la Franchigia, di modo che la gente tutta h cominciato gridare: salvo, salvo
Int.o - se esso conosca li Famegli che hanno fatto prigione detto Domenico
R.e - Signor s
Detto che li nomini
R.e - ci era Terminella, il Tenente Gio: Batta, il Tartallia, il Figliolo di Mont'Alcino, il Bucalossi, Vincenzaccio, un Basettone, il marito della Gingilla, e molti altri che non so il suo nome
Int.o - se esso habbia seguitato detto Carcerato fino in Piazza
R.e - Signor s
Int.o - se nel condurre da detti sbirri detto Prigione nelle Segreti, vi sia occorso accidente alcuno

  R.e - quando il detto Domenico stato vicino alle scale di S.Desiderio, h fatto forza alli sbirri e si attaccato alle dette scale et essi doppo haverlo percosso malamente, di maniera tale che gli escito il sangue, viva forza l'hanno tirato fuori, e condottolo in Segrete; e perche la gente andava gridando alli sbirri: salvo, salvo, li medesimi nella Piana del Capitano di Giustizia hanno spianato l'archibusi, e fatto fuggire il Popolo che gli era dietro
Int. - chi fosse presente a detta Cattura
R.e - Poffare Dio, ci era tanta gente, che volete mi ricordi
Int.o - se particolarmente habbia conosciuto alcuno
R.e - tra gl'altri ci ho veduto Tista Fabbro al Forno Bruciato, e Spergi Galline facchino, ma in verit ci era quasi mezza Siena
et Accertatis, ecc., fuit dimissus, ecc.
Circa personam et A.22 incirca, et in bonis filius familia

Max fuit Examinatus in Curia Preceptatus Gio: Domenico olim Francesco Belli, alter testis plene

  cognitus qui monitus ecc., et juratus, prout manutactis, ad delationem, et examinatus
Int.o - dove sia nato, che arte faccia, e di presente in che Cura habiti
R.e - Io son nativo di Monte Reggioni, da 4 anni in qua habito in Siena, fo il facchino, e sto sotto la Cura di S.Salvadore
Int.o - che soprannome habbia
R.e - mi chiamo per soprannome Spergi Galline
Int.o - se in questo giorno egli sia stato vedere la corsa de' Barbari
R.e - Signor s
Int.o - se sappia che Barbaro habbia vinto il Palio. R.e - per quanto ho sentito dire h vinto un cavallo di Modana
Int.o - dove sia stato a vedere la detta Corsa
R.e - Io ero a sedere nelle scalelle del Duomo
Int.o - se sappia, habbia veduto da chi sia stato ritenuto doppo la corsa, il cavallo che h vinto il Palio
R.e - Signor s, il Barbaro che h vinto il Palio veniva alla volta mia, et io mi son ritto in piedi, et ho veduto, che l'ha preso per il morso il figliolo di Gianni facchino di Dogana
Int.o - dove precisamente l'habbia ritenuto
R.e - sentite!, se non era nell'ultimo scalino del Duomo, certo, che era vicinissimo a detto scalino quando l'h chiappato
Int.o - se esso habbia veduto dove ha condotto detto Barbaro

  il detto Domenico, a chi lo consegnasse
R.e - l consegn da vero! venne una frotta di sbirri, e doppo haverlo percosso con molti colpi, gl'anno levato a forza il barbaro delle mani, e poi l'hanno messo prigione
Int.o - per qual causa l'habbin messo prigione, e se egli lo sappia
R.e - io credo che li famegli habbin messo prigione il detto Domenico perche egli dava delle pugna quelli che gli facevano folla per levargli il Barbaro
Int.o - dove sia seguita la Cattura di detto Domenico
R.e - appi delle scalelle del Duomo dalla banda che verso il Palazzo del Principe
Int.o - se habbia veduto far prigione dalli famegli il detto Domenico dentro al rigolo di marmo che verso le scale del Duomo vero fuori di detto rigolo
R.e - quando detto Domenico stato preso dalli sbirri, era pi di due braccia a dentro al rigolo di marmo verso la parte del Duomo, e per questo tutto il Popolo h cominciato a gridare: salvo, salvo, accompagnandolo con queste voci fino al Palazzo del Capitano di Giustizia, e li sbirri quando furono nella Piana abbassorno l'Archibusi per diviare quella gente che li seguivano
Int.o - se esso testimone accompagnasse esso ancora detto carcerato
R.e - Signor S ma un poco dalla lontana
Int.o - se nel condursi da detti famegli in carcere il detto Domenico sia nato accidente alcuno

  R.e - quando detto Domenico f vicino alle scalelle di S.Desiderio pensando di potergli scappar dalle mani fece una forza, e si gitt alle scalelle, ma li sbirri lo tennero sodo, e lo tranorno a viva forza, e percuotendolo lo condussero prigione
Int.o - chi fossero li detti famegli
R.e - erono moltissimi, ma ci conobbi tra gli altri Gio: Batta Tenente, il Bucalossi, Giuseppe Fommei, il Tartaglia, Vincentio Guerrini, uno che si chiama Cola, e molti altri che non s il nome
et acceptatus, fu licentiato, ecc.

Testo in latino omesso


  Ad 15 Agosto 1691 Comp.e L'Ecc.mo Signor Claudio Propertio Dantini Promotor fiscale della Corte Archiepiscopale, e disse per devenire pi chiaramente s detti famegli habbino catturato il detto Domenico in luogo immune, fece instanza mandarsi esaminare tutti tre li detti Testimoni nel luogo della seguita carceratione in ogni ecc., et ogni altro, ecc.
Testo il latino omesso
Ad 15 Agosto 1691 Conferitomi io Agostino Palagi Attuario della Corte Archiepiscopale nella Piazza del Duomo assieme con Gio: Batta Gricciuoli, Galgano Menicucci, e Gio: Domenico Belli testimoni di sopra esaminati, quali stando nel medesimo giuramento di sopra deferitogli, mi indicorno il luogo preciso della Carceratione seguita di detto Domenico in questo modo cio
Dissero essere stato preso il Barbaro che ha vinto il Palio da detto Domenico un braccio e mezzo lontano dalle scalelle del Duomo dentro il Cordone di Pietra dalla banda che guarda il Palazzo di S.A.S. dentro lo spazio che rinchiuso da due cordoni di pietra, et il ripartimento pure di pietra, che guarda la colonna punta delle scalelle, e quivi arrivati li famegli fecero forza di levargli il cavallo dalle mani, et in quella forza passorno li due rigoli di pietra andando verso le scalelle della porta di fianco di Duomo, e quando furono vicini ad un sito dove vi sono quattro rigoli di pietra nel mattonato fecero prigione il detto Domenico dentro per, ma lontano dal confine del Salvo quasi due braccia

  e di qui lo estrassero e lo condussero prigione
Fatto in Siena nella Piazza della Metropolitana alla presenza di Gio: Batta Porciatti facchino denominato il Bellino et Horatio Martinucci habitante sotto la Cura di S.Stefano alla Lizza testimoni


  Die 16 Augusti 1691. omissis (constatazione ufficiale, del Vicario Generale Claudio Propertio Dantini, della Violazione degli sbirri).
Ad 22 Agosto 1691 Comparve in Cancelleria Francesco del gi Luca Falusi al quale deferito il giuramento come giur ad delatione et esaminato
Int.o - dove sia nativo, e dove habiti, e che professione sia la sua
R.e - sono nativo di Siena, et sotto la Cura di S.Mauritio e fo lo sbirro da 25 anni in qua, e servo di Soprano il Bargello di Piazza
D.o - se sappia la causa per la quale sia stato citato venire, o comparire in Cancelleria Arcivescovile, R.e - mi l'immagino
D.o - et lo dica
R.e - credo che sia per il giorno della Madonna d'Agosto, mi diedero fra le mani il figliolo dello Stranito facchino di dogana
D.o - se in detto giorno della Madonna d'Agosto facesse prigione nissuno
R.e - feci prigione il detto figlio di detto facchino quale non so come si chiami
D.o - dove lo facesse prigione
R.e - lo presi nella Piazza del Duomo
D.o - se vi fusse altri a metterli le mani addosso
R.e - li messe le mani addosso un tal Gio: Batta fiorentino il Tenente, et il Tartaglia, e gl'altri ch'erano li con le bocche di fuoco alla mano
D.o - dove precisamente pigliassero detto figliolo di detto facchino

  R.e - era fuori di quel segno biancho che divide il sagrato da quattro braccia in circa
D.o - come puol sapere che fusse fuori del sagrato se la Piazza del Duomo era piena di gente
R.e - lo posso dire perche lo veddi che era fuori del sagrato
D.o - se nel pigliarlo, et in mentre che si abbaruffolavano ci seguisse botte nissuna verso detto figlio di detto facchino
R.e - so che li fu dato delle botte ma non so da chi li fussero date, che lui istesso mi disse che li era stato dato
D.o - se sappia dove principiassero a darli
R.e - non so dove precisamente seguissero dette botte
D.o - chi fusse quello che dicesse metteteli le mani addosso
R.e - fu il tenente che vi disse metteteli le mani addosso.
D.o - per la causa per la quale facessero prigione detto figliolo di detto facchino
R.e - lo fecemo prigione perche haveva preso il cavallo che vense il Palio altro non posso dire
E fu licentiato, con animo, ecc.

 

     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena