I figli illegittimi

Per farci un' idea su questo imbarazzante argomento, ci siamo avvalsi della consultazione di un "Bullettino Senese di Storia Patria", le cui rilevazioni statistiche ci hanno illustrato quanto tale fenomeno fosse diffuso, fino a tutto l'800, nella nostra città.
Le cause erano principalmente le pessime condizioni economiche, che unite all'ignoranza di metodi contraccettivi, spesso sfociavano in rudimentali pratiche abortive. Per questi motivi a molte mamme povere non restava altra soluzione che lasciare i propri figli nelle cosiddette "ruote" degli ospedali, provocando seri problemi di bilancio agli istituti stessi che li accoglievano.
Per quanto ci riguarda, sappiamo che Annunziata, figlia di Pietro Papei, fu costretta ad abbandonare un figlio: lo comprova una lettera del 31 gennaio 1917, nella quale si richiedeva che venisse modificato l'atto di nascita, dove figurava il di lei figlio, avuto dal marito Pietro Ricci.
Infatti, fra i battezzati del 16 ottobre 1855, comparivano tre figli esposti, ai quali vennero impartiti altrettanti cognomi di fantasia: Genti, Primieri e Siri.


per ingrandire e leggere il contenuto della lettera, clicca qui

Proprio il primo di questi, superata ormai l'età di 61 anni, potè finalmente riappropriarsi del suo vero cognome e nel contempo cambiare il nome di battesimo da Giovanni Gualberto, a Carlo.
Dobbiamo inoltre rilevare che, sul finire dell'Ottocento e nel primo Novecento, fra le varie ramificazioni dei Papei figuravano ben otto figli illegittimi.
La prima fu Aquilina, che venne alla luce a S.Rocco a Pilli il 18 febbraio 1880 e che visse solo per 15 giorni. Risultava figlia di Mario e di una donna rimasta sempre "occulta", che noi azzardiamo possa essere stata la sua futura moglie, Emilia Cozzatelli.
Un fratello dello stesso Mario, che si chiamava Massimiliano, il 21 febbraio 1897 ebbe Gustavo, poi il 30 dicembre 1901 due gemelli: Giovanni e Maria, che, come recita il testo del battesimo:

"nati dalla sua unione illegittima con donna non maritata, non parente né affine con lui nei gradi che ostano al riconoscimento".

Tutti e tre furono poi riconosciuti il 10 febbraio 1902, giorno del matrimonio con Cesira Fusi.
E' facile intuire che le gravidanze indesiderate provocassero dei veri e propri drammi, come accadde a Bianca, che per esser rimasta incinta di Adriana, venne addirittura allontanata dal fratello. Il suo amante, un signore piuttosto facoltoso, libero e stimato, preferì seguire i consigli di chi lo invitava a evitare un matrimonio "riparatore" con colei che era la sua domestica.
Egli, nonostante tutto questo, pur non riconoscendo ufficialmente Adriana e rimanendo nell'anonimato, non si scordò mai di aiutarla, specie dopo che rimasta orfana, venne affidata a una balia.
Come la madre, forse per le conseguenze di una diagnosi medica sbagliata, la bambina non visse a lungo e spirò il 14 novembre 1935 ad appena 13 anni.
Da quello che abbiamo avuto modo di leggere nelle ultime righe del precedente capitolo, un fatto analogo accadde anche ad Armando, figlio di Alduina, che fino al riconoscimento da parte di Alberto Brecchi (che avvenne tre giorni dopo le nozze), portò il cognome della madre che lo aveva partorito quando aveva solo sedici anni.
Questo riconoscimento non venne però ratificato dagli Organi Ecclesiastici, infatti nei fogli delle pubblicazioni per il matrimonio, il suo nome fu così trascritto: "Papei Armando al civile Brecchi Armando".

L'unione con Luisa Mariani avvenne nella chiesa di S.Pellegrino alla Sapienza il 20 aprile 1936. L'atto reca la firma di Armando Brecchi, tanto da far intendere che egli aveva definitivamente adottato tale cognome.


Dagli incartamenti ci risulta che Armando svolgesse la professione di parrucchiere e che abitasse in via Roma al numero 15.
Era figlio della ricordata Alduina Papei che aveva avuto una vita alquanto disagiata, secondo ciò che appare dal censimento del 1951, dove viene indicata come vedova e mendicante.

Pensavamo di aver già concluso questa breve rassegna sui figli illegittimi e sui riflessi che hanno avuto sulla conoscenza delle nostre ascendenze familiari, quando abbiamo scoperto, ancora una volta fra le carte della Curia Arcivescovile di Siena (cause civili n°5215) questo documento:

Trattasi della domanda di legittimazione di parte della propria prole, fatta nel 1912 da Annunziata Savelli, vedova di Giulio Papei.
Dalla lettura di tutti i cinque fogli di questa cartella, salta agli occhi la contraddizione giuridica, se così ci è dato definirla, tra la Curia e il Comune di Siena. Per la Chiesa i figli di Annunziata Savelli: Bianca e Giuseppe, erano di padre ignoto e infatti portavano il cognome della madre; mentre negli atti di nascita del Comune, appariva che Bianca e Giuseppe Papei erano di Annunziata Savelli e Giulio Papei.
Riflettendo su quanto sopra, siamo indotti a supporre che tutto questo sia potuto accadere per la rottura dei rapporti tra lo Stato del Vaticano e quello Italiano, che avvenne dopo la presa di Roma del 1870 e che si protrasse sino al 1929, anno in cui fu stipulato il famoso Concordato.
Con ogni probabilità la povera gente (che agli inizi del '900 era purtroppo assai numerosa), approfittava di tale situazione amministrativa, per poter usufruire di sovvenzioni e di altri benefici, per cui a molte donne era conveniente presentarsi come "ragazze madri" e poi regolarizzare in seguito la loro posizione.