www.ilpalio.org

- IL SONETTO DI BEPPE PALLINI -

SienaNews, 27 Maggio 2019 - “Come ti uccido un’impresa a Siena”: la dura lettera di Cacio e Pere. Il locale chiuso a tempo indeterminato.

Si sentano danneggiati

Se un mi sbaglio fu guasi du’ anni fa
che ‘l Valentini, sindaco d’allora,
li fece chiude’, un potevan durà
di fa’ musica fin’a tarda ora,

chi ci stava voleva riposa’,
ma “Cacio e pere” ci ha provato ancora,
da un’altra parte, ma sempre in città,
ma anche lì ci sta gente che lavora,

la notte hanno diritto di dormi’
e poi ci so’ l’anziani, c’è i malati,
specie a quell’ora un lo voglian senti’

tanto baccano, ma si so’ sbagliati
a ridagli ‘l permesso di riapri’,
ci hanno speso e si sentan danneggiati.

P.S. Se un trovano un accordo bene o male,
anderanno a finire in tribunale?


Vedi sonetti n. 405, n. 607, n. 782 e n. 795

28 maggio 2019