Sonetti e Poesie

El cantante di S.Fini



El cantante

Quello ha un timbro di voce, 'aro mio,
proprio come a la Scala di Milano
e se l' alza di tòno, allora addio:
fa tremà le finestre da lontano.

Da lui ci portò Beppe, 'l mi' zio,
insieme 'on Gustavo e Gaetano ...
Ci 'antò una romanza. E sa', ti di'o,
ci rintronò 'l cervello dal baccano!

Se devo ditti proprio 'l mi' parere
'un so che artista pòle diventà.
Più che a cantà, mi pare bono a bere.

Ad ogni modo 'un voglio critià:
el timbro ce l'ha bello. E' naturale!
Timbra le buste all'Ufficio Postale!




La Verbena di S.Fini

La Verbena

Te mi dirrai che so' sentimentale
perchè colgo un mazzetto di verbena,
ma questa pianta, te lo sai,è speciale
e 'un si pole trovà fòri di Siena.

La vita, 'ome vedi, à sempre uguale:
ci s'affeziona a qualche cosa e appena
ci s' illude d'avella, o bene o male,
ci tocca di lascialla con gran pena.

Io parto, ma mi piglio un ber ciuffetto
di 'uest' erba e la porto via con me;
lo stiaffo perbenino a capo al letto

e così ho sempre 'n cima alla memoria
la mi' Sienina bella e tutt'e tre
quell' altre 'oce che so' la su' gloria!






Clicca per tornare alla Home Page