S. PELLEGRINO: LA PIAZZA E LA CHIESA CON GLI AFFRESCHI

Sicuramente , se domandate ai senesi di indicare dove si trova S. Pellegrino, visto che sono toscanacci scherzosi, vi potrebbero rispondere: ma che ciavete da fà la 'ura dell'acqua? Infatti dovreste essere molto fortunati ad imbiffarne uno che lo sa.
Ebbene, nell'odierna Piazza dell'Indipendenza confluiscono due strade molto importanti: una proveniente dalla Basilica di San Domenico che, nella prima parte, è legata alla cultura, infatti sin dal 1392 il primo tratto era Via della Sapienza (come oggi) ed il secondo Via dell'Arti (oggi Via delle Terme). L'altra strada che arriva in Piazza dell'Indipendenza è più godereccia in quanto qui, erano presenti osterie e bettole più o meno untuose e maleodoranti (oggi via dei Termini); la strada un tempo era più lunga nel tratto finale, quello che accedeva alla piazza. Questo perchè Piazza dell'Indipendenza, un tempo era assai più piccola, in quanto aveva una chiesa ed era, fra le altre cose, chiamata diversamente.
Lo storico Macchi ci dice che dal termine si giungeva alla chiesa del San Pellegrino... ecco, quindi, quale e dove era questa fantomatica piazza. In origine, come detto, l'area della piazza era inferiore all'attuale poichè vi si protendeva la chiesa che fu demolita nel 1812 per creare uno spazio più comodo dinanzi all'ingresso del Teatro dei Rozzi. L'intitolazione attuale della piazza fu data (1878) per ricordare la raggiunta indipendenza italiana.
Voglio aggiungere che anticamente questa piazza ebbe nomi diversi; infatti oltre a quello di San Pellegrino annotiamo anche quello di Piazzetta del Grano e Piazza dell'Arte della Lana. La chiesa, che non c'è più, era stata edificata nel 1050 ed ha ospitato nel Duecento molte attività della nuova repubblica, per questo il Comune pagava un canone perpetuo alla chiesa ed aveva fatto dipingere affreschi sulle pareti dai migliori maestri che aveva in città. Non so in che stato di conservazione fossero tali affreschi al momento della demolizione dell'edificio, ma intuisco che fu perpetrato un danno non indifferente alla storia ed al patrimonio artistico della città.



Piazza dell'Indipendenza