- IL SONETTO DI BEPPE PALLINI -



Pigliatemi come so'

Rino         Mio caro Beppe, a dì la verità,
                 le leggo volentieri i tu’ sonetti,
                 però ti devo dire, un t’arrabbià,
                 che ‘l vernacolo a volte un ce lo metti.

Beppe         La lingua un la poi mica 'mbalsamà,
                 oggigiorno neppure noi vecchietti
                 si parla più come cent’anni fa.
Rino         Ma certe regole te un le rispetti.

Beppe         Certe regole a me un mi dican niente,
                 un so' mica un poeta di cartello,
                 i mi’ sonetti so’ senza pretese,

                 io scrivo come parlo co' la gente,
                 di più col cuore che con il cervello,
                 e come me la sento, a la senese.


Febbraio 2014



  

Rino e Beppe