- IL SONETTO DI BEPPE PALLINI -

Palio del 16 agosto 2010


La sera della prova generale, nel finale della carica che conclude il giro dei Carabinieri a cavallo, ci fu un fatto senza precedenti: il comandante fu superato da un altro cavaliere.


Il Palio dei Carabinieri


Nel giro il comandante è assai bravino,
la perfezione è ormai guasi raggiunta,
ma la corsa sa proprio di pochino:
o che vòi, gli danno anche la giunta

per fallo arriva’ primo a San Martino,
sicché soddisfazione un ce n’è punta
a vedé vince’ sempre ‘l capettino.
Ma la sera a la prova dell’Assunta,

o ‘l partito per bene un gliè venuto,
perché pagava poco, porco mondo,
o forse chillosà s’era venduto,

fatto sta che a la fine, guasi in fondo,
un altro l’ha passato e ciò goduto
che ‘l comandante è arrivato secondo.

II

Il Palio corre ‘l sedici, è evidente,
quando però entra i Carabinieri
la piazza è guasi vòta e certamente
loro sfilano meno volentieri.

Per loro il Palio vero, co’ la gente
nel Campo pieno zeppo, corse ieri.
L’ha’ sentito che berci ? Dici niente,
con quelle smanacciate so’ più fieri.

La folla lo ‘ncitava: forza, bravo!
perché di stà a cavallo cià la classe,
ma che vincesse non ce lo stimavo,

non credevo che ‘n fondo gli passasse
al comandante e guasi m’aspettavo
che per parallo lui lo sciabolasse.