- I SONETTI OTTOCENTESCHI -

16 agosto 1887

Al prode cavalcante
Dante Tavanti
che nel dý 16 Agosto 1887
riportava la 27¬ vittoria
alla Contrada dell'Istrice
i componenti la medesima
dedicano
i seguente
Sonetto:



Ecco i dieci del popolo al cospetto.
Pallidi i volti, tace ogni rumore
palpita forte a ognuno il core in petto
dubbioso a chi serbato sia l'onore.

Sebben di cruda fresca doglia affetto
ti slanci, o Dante, con eroico ardore
Tra fiera lotta, Ŕ ver, ti trovi stretto,
ma di vittoria in te speme non muore.

E non morý; che in quanto lampo splende
primo ti mostri a tutti nel cantame
e chi di sdegno e chi di gioia s'accende

Grato alla mente il nome, tu richiame
quel popol ch'oggi a te le braccia stende
e cui appagasti le lontane brame.