PES   GIUSEPPE
(Il Pesse) 9/45

Nato a Asciano (SI) il 17 giugno 1963

1. 2 luglio 1982 VALDIMONTONE Cuana
2. 16 agosto 1982 VALDIMONTONE Arlem de Mores
3. 2 luglio 1983 BRUCO Ascaro de Torralba
4. 16 agosto 1983 LUPA Chicco de Ureco
5. 2 luglio 1985 LEOCORNO Benito III
6. 16 agosto 1985 ISTRICE Orion
7. 2 luglio 1986 VALDIMONTONE Baiardo IV
8. 16 agosto 1986 LEOCORNO Figaro
9. 13 settembre 1986 1 VALDIMONTONE Brandano
10. 2 luglio 1988 VALDIMONTONE Briosca
11. 16 agosto 1988 TORRE Liunica
12. 16 agosto 1989 VALDIMONTONE Fogarizzu
13. 2 luglio 1990 VALDIMONTONE Figaro
14. 3 luglio 1991 PANTERA Chartreuse
15. 16 agosto 1991 PANTERA Pytheos
16. 3 luglio 1992 VALDIMONTONE Uberto
17. 16 agosto 1992 DRAGO Pytheos
18. 2 luglio 1993 LEOCORNO Barabba
19. 16 agosto 1993 AQUILA Pytheos
20. 2 luglio 1994 VALDIMONTONE Etrusco
21. 16 agosto 1994 BRUCO Pegaso
22. 2 luglio 1995 PANTERA La Fanfara
23. 16 agosto 1995 LEOCORNO Bella Speranza
24. 2 luglio 1996 VALDIMONTONE Bella Speranza
25. 16 agosto 1996 LUPA Solstizio d'Estate
26. 3 luglio 1997 GIRAFFA Penna Bianca
27. 16 agosto 1997 GIRAFFA Quarnero
28. 2 luglio 1998 ONDA Careca
29. 16 agosto 1998 ONDA Penna Bianca
30. 2 luglio 1999 DRAGO Votta Votta
31. 16 agosto 1999 VALDIMONTONE Re Artù
32. 2 luglio 2000 BRUCO Votta Votta
33. 16 agosto 2000 BRUCO Votta Votta
34. 9 settembre 2000 1 SELVA Urban II
35. 2 luglio 2001 SELVA Alcnachito
36. 16 agosto 2001 ISTRICE Altoprato
37. 2 luglio 2002 OCA Alghero
38. 16 agosto 2002 LUPA Venus VIII
39. 2 luglio 2003 CIVETTA Berio
40. 16 agosto 2003 GIRAFFA Urban II
41. 2 luglio 2004 VALDIMONTONE Afara
42. 16 agosto 2004 OCA Altoprato
43. 2 luglio 2005 LEOCORNO Alesandra
44. 16 agosto 2005 LUPA Brento
45. 2 luglio 2006 GIRAFFA Delizia de Ozieri

1 Palio straordinario.

- E' il fantino che dopo Campanino, Caino e Gobbo Saragiolo ha corso più Palii consecutivamente: 32 tra il 1991 e il 2006 (cfr.)
- Dopo Aceto, è il fantino che ha corso di più in una stessa contrada: 12 volte nel Valdimontone (2 vittorie) (cfr.).








Pur nato in Toscana, ad Asciano, il Pesse è di famiglia originaria della Sardegna e si forma quale allievo del grande Andrea Degortes. Dopo la consueta maturazione nelle corse provinciali, esordisce al Palio di Siena il 2 luglio 1982, proprio di fianco al maestro Aceto. A chiamarlo è il Montone, contrada che non nutre grandi aspettative, essendole toccata in sorte l'esordiente cavalla Cuana. In effetti la grande favorita è la Selva con Aceto su Panezio (la micidiale coppia capace di vincere tre palii dell'Assunta consecutivi dal 1974 al 1976). Il giovane Pesse si dimostra però un ottimo fantino e, all'ingresso della Selva di rincorsa, prende subito la testa, mantenendola fino al terzo bandierino, quando esplode la gioia dei montonaioli per una vittoria inattesa. Il Pesse diventa il sedicesimo fantino nella storia del Palio ad aver vinto all'esordio (dopo di lui riusciranno nell'impresa solo Dario Colagè detto Il Bufera il 2 luglio 1989 con la Lupa e Jonathan Bartoletti detto Scompiglio il 16 agosto 2007 con la Contrada del Leocorno).
Il Montone lo conferma anche per la carriera successiva ed è proprio con la contrada dei Servi che il Pesse correrà buona parte dei Palii seguenti, carriere però sfortunate che faranno attendere al Pesse la seconda vittoria per 4 anni. È infatti il 13 settembre 1986 quando si corre il Palio straordinario per celebrare il II centenario dell'abolizione della Balìa e della Biccherna (antiche istituzioni senesi). Il Pesse viene nuovamente chiamato dal Montone, che gli affida la monta di Brandano, uno dei cavalli più forti che abbiano mai calcato il tufo di Piazza del Campo. L'ostacolo principale è però dato dalla contrada nemica, il Nicchio, che monta un altro giovane fantino vittorioso all'esordio, Bastiano, sul veloce Figaro. In effetti la gara è una lotta a due tra le rivali, con il Nicchio che parte in testa, tallonato dal Montone. Il Pesse recupera terreno e al secondo San Martino approfitta di un errore di Bastiano, che prende la curva troppo largo, per affiancarsi. I due danno avvio ad un emozionante duello a colpi di nerbate, dal quale esce vittorioso il Pesse che regala al Montone un trionfo storico.
Gli anni che seguono non sono dei migliori, ma con l'inizio degli anni '90, complici le fasi calanti di Aceto e Bastiano, si apre la rivalità fra il Pesse e un altro grande della Piazza, Cianchino. Alle due vittorie di Ladu nei palii dell'Assunta del 1990 (proprio con il Montone) e di Provenzano del 1991 (con la Tartuca), risponde il Pesse il 16 agosto di quello stesso anno con la Pantera. L'ostacolo principale è proprio Cianchino, che monta il formidabile Benito III ancora per la Tartuca e punta deciso al cappotto. Da una mossa rapidissima proprio la Tartuca parte prima, ma al primo Casato Cianchino cade, ostacolato da Bastiano che corre per la rivale Chiocciola. Ne approfitta il Pesse, il cui cavallo, Pytheos, sembra letteralmente un fulmine. Il barbero corre velocissimo e, con un vantaggio enorme, taglia il bandierino con un tempo da record, 1'12"8, ad oggi la carriera più veloce della storia del Palio.
Un anno dopo il Pesse coglie il quarto successo. Stavolta a chiamarlo è il Drago e il cavallo da montare è nuovamente Pytheos. La carriera è una lotta a tre tra Drago, Torre e Istrice. Quest'ultima mantiene la testa fino all'ultimo giro, quando il Pesse lancia nuovamente il "fulmine" Pytheos e conquista il Palio.
Al successivo Palio del 2 luglio 1993 il Pesse corre per il Leocorno, montando il cavallo esordiente Barabba. Sulla carta le favorite sono la nemica Civetta (con il veterano Bazzino su Oriolu de Zamaglia) e la Chiocciola (con Cianchino su Galleggiante). In una manovra azzardata al primo San Martino, Bazzino cade, ma Oriolu scosso prende deciso il comando. Dietro inseguono Leocorno e Chiocciola, che passano al secondo San Martino, quando lo scosso della Civetta si ferma. Il Pesse resta al comando e vince il suo quinto Palio, dimostrando di essere ormai uno dei "big" tra i fantini della corsa senese.
Due anni dopo il dualismo Cianchino-il Pesse si riaccende. Il 2 luglio 1995 il primo veste il giubbetto dell'Onda, il secondo quello della Pantera. Cianchino scatta primo alla mossa e conduce per tutta la carriera, con il Pesse che insegue per tutti i tre giri, senza tuttavia riuscire mai ad insidiare la prima posizione dell'Onda. Il 16 agosto le parti si invertono: il Pesse, nel Leocorno su Bella Speranza, scatta primo e conduce per tutta la carriera davanti a Cianchino, che corre per l'Aquila, e vince il suo sesto Palio.
L'anno che segue, il 1996, è invece sfortunato per il Pesse. A luglio, con il giubbetto del Montone, il fantino ascianese monta nuovamente Bella Speranza ed è l'ovvio favorito. Il Montone conduce la gara fino al terzo giro, quando viene raggiunto e superato dall'Oca che monta una nuova promessa del Palio, Luigi Bruschelli detto Trecciolino. Ad agosto il Pesse va nella Lupa e monta Solstizio d'Estate, cavallo esordiente ma velocissimo. La Lupa è di rincorsa ed entra fortissima alla mossa, prendendo in breve il comando. Al secondo San Martino però si fa forte il recupero del Montone, che affianca la Lupa. L'ostacolo reciproco tra le due contrade favorisce il Bruco con Cianchino su Bella Speranza (segnata a quella carriera come Rose Rosa), che si porta in prima posizione. Il Pesse tenta un disperato recupero, ma ormai è troppo tardi e l'amarezza della sconfitta è aumentata dal tragico infortunio di Solstizio d'Estate, che all'ultimo Casato si frattura entrambi gli anteriori e viene abbattuto.
Se il 1996 è l'anno da dimenticare, così non è per il 1997, l'anno che consacra la figura del Pesse alla storia del Palio. Per il palio di Provenzano (rinviato per pioggia al 3 luglio) viene chiamato dalla Giraffa a montare il formidabile Lobi's Andrea (ribattezzato Penna Bianca, per la macchia bianca sulla fronte): la carriera non ha storia e il Pesse coglie il settimo trionfo. Ad agosto la Giraffa riceve in sorte un altro "bombolone", Quarnero, e si affida nuovamente al Pesse per cogliere uno storico cappotto. Alla mossa però la Giraffa parte attardata, con Cianchino nella Torre su Votta Votta, che prende il comando. Nelle retrovie però il Pesse dà luogo ad una furiosa rimonta e all'ultimo Casato passa la Torre, conquistando l'ottavo sigillo personale, ma soprattutto il cappotto per la Giraffa.
L'impresa del 1997 fa del Pesse il fantino più ambito della Piazza. Per il Palio dell'Assunta 1998 l'Onda lo chiama a montare nuovamente Penna Bianca, di gran lunga il barbero favorito del lotto. Purtroppo quel Palio sarà ricordato come uno dei più drammatici di sempre: al primo San Martino l'eterno rivale Cianchino, che difende i colori della Torre, la nemica dell'Onda, cerca di ostacolare il Pesse e si lancia con il cavallo contro di lui. La Fanfara, barbero torraiolo, piomba su Penna Bianca, coinvolgendo nell'impatto anche Tuareg, il cavallo del Bruco. Le tre contrade cadono rovinosamente e i barberi di Onda e Bruco si infortunano al punto che devono essere abbattuti.
La luce del trionfo torna a splendere per il Pesse due anni dopo, nel 2000, quando giunge il nono successo. Per il Palio straordinario del 9 settembre, indetto per celebrare l'avvento del nuovo millennio, il Pesse riceve la chiamata della Selva, che gli affida la monta del potente Urban II. Il binomio selvaiolo prende il comando già al primo San Martino e domina la carriera.
Dopo il 2000 però il Pesse non è più riuscito a vincere il Palio. L'epoca d'oro di Trecciolino e le affermazioni di giovani fantini non gli hanno permesso di cogliere il decimo successo. L'ultima carriera disputata finora dal Pesse è quella del 2 luglio 2006, quando ha difeso i colori della Giraffa.
Con i suoi 9 trionfi in 45 carriere disputate, il Pesse è di diritto uno dei più grandi fantini di sempre. Numerosi i suoi primati: la vittoria all'esordio (il 2 luglio 1982), la carriera più veloce (nel palio dell'Assunta del 1991) e il cappotto con la Giraffa (nel 1997). Ad essi va aggiunta la lunga striscia di Palii consecutivi disputati, ben 32, dal 2 luglio 1991 al 2 luglio 2006, a dimostrazione anche della correttezza di questo fantino, raramente oggetto di squalifiche. Nella sua lunga carriera ha corso almeno una volta per tutte le contrade, eccezion fatta per Chiocciola, Nicchio e Tartuca.

Biografia tratta da wikipedia




Mario Savelli racconta

    






ALTRI CAPITOLI INERENTI

LE SCHEDE DEGLI ALTRI FANTINI
I FANTINI VITTORIOSI DI TUTTI I TEMPI
LE DATE DI NASCITA
LE STATISTICHE SULL'ETA'
PROCESSI E FATTI CURIOSI SUI FANTINI


     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena