SCHERZO DELLA NATURA


- Adì 11 Ottobre 1799 -

Nella precedente notte alle ore 11½ avanti la mezzanotte* volò all'Eterna Gloria l'Anima del fù Emilio figlio di Girolamo Fiorini in età di giorni due di questa Cura. Questo bambino (per quanto sembra alla di lui madre) nacque sei soli mesi dopo il suo concepimento, et aveva in tutte le parti del suo corpo l'effige*, il colore e la figura d'un Moro*: ed infatti confessa sua madre, che restò molto ferita nella fantasia dalla veduta di un Moro, che si trovava fra le Truppe Francesi, in maniera che, essendo uno scherzo della natura così raro e particolare, il Signore Francesco Feliciati* pubbligo Professore di Pittura di questa Città desideroso di farne acquisto, pregò Sua Eccellenza Reverendissima Monsignore Arcivescovo à volerglielo concedere ed Esso benignamente gliel'accordò con condizione di tenerlo ben preservato, ed in luogo decente, come costa* da un Biglietto di proprio pugno scritto da detto Monsignore, quale conservasi in filza* nell'Archivio di questa Parrocchia. Attesto questo Io infrascritto Vice Parroco: in questa sera feci nell'istessa propria casa del defonto Bambino le solite esequie secondo il Rituale Romano, unitamente ad altro Sacerdote, e ciò pregato dal suddetto Signore Feliciati per migliore conservazione del detto cadavere, e di poi fù consegnato al Medesimo; per il fine, come sopra.

Così è. Frate Filippo Naddi Vice Parroco Mano Propria





* 11½ AVANTI LA MEZZANOTTE = Mezz'ora prima di mezzanotte.

* EFFIGE = Aspetto.

* MORO = Di carnagione scura.

* FRANCESCO FELICIATI = Figlio di Lorenzo (che fu maestro di disegno e pittore), ricoprì l'incarico di insegnante di disegno ai Conservatori di S.Maria Maddalena e del Refugio. Egli era discendente di un altro Francesco Feliciati, vissuto a cavallo dei secoli XVII e XVIII, che è ricordato per essere l'autore dell'affresco della Madonna e il Bambino, ancor oggi visibile sulla facciata al bivio tra la via S.Marco e via della Diana, nonchè per l'affresco della cupoletta della cappella interna alla chiesa di S.Mustiola della Rosa.

* COME COSTA = Come si osserva.

* FILZA = Fascio di fogli di archivio, tenuti insieme da uno spago conficcato all'interno.
Defunti di S.Clemente ai Servi

- libro 2555 -