2 luglio 2012
ONDA

DEDICATO ALL'8 CENTENARIO DELLA VISITA DI S.FRANCESCO

L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine


Ivanov ONDA Trecciolino
Missisippi AQUILA Tittia
Moedi GIRAFFA Brio
Indianos SELVA Voglia
Lampante DRAGO Scompiglio
Magic Tiglio LEOCORNO Nappa II
Misteriosu NICCHIO Girolamo
Mississippi BRUCO Gingillo
(Lamagno) TARTUCA non corse¹
(Nestore de Aighenta) CHIOCCIOLA non corse¹

MOSSIERE: Natale Chiaudani
¹ Non corse per l'infortunio occorso al cavallo


    



CAPITANO: Riccardo Coppini
TENENTI: Gianni Castagnini, Aldemaro Marchetti
PRIORE: Massimo Castagnini
VICARI: Gianni Nardi, Alessandro Toscano, Massimo Spessot
BARBARESCO: Mirko Gentilini

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1995
Il fantino non vinceva dal 16 agosto 2010




La contrada dell'Onda ha vinto il Palio di Siena del 2 luglio 2012 in onore della Madonna di Provenzano, conquistando il Drappellone realizzato dall'artista umbro Claudio Carli in ricordo dell’ottavo centenario della prima venuta di San Francesco a Siena (1212).
Tre giri da vero Imperatore riportano il Palio in Malborghetto dopo 17 anni. Luigi Bruschelli detto Trecciolino e Ivanov dominano la carriera del 2 luglio conquistando il cencio dipinto dal maestro Claudio Carli. I cavalli escono dall'Entrone alle 19.28, con 2 minuti di anticipo rispetto all'orario previsto.
La busta mette così in ordine le 8 contrade: Onda, Aquila, Giraffa, Selva, Drago, Leocorno, Nicchio e Bruco di rincorsa. Dopo pochi istanti il mossiere Natale Chiaudani manda tutti fuori per cercare di creare l'allineamento giusto. I cavalli rientrano tra i canapi, l'Aquila mostra i consueti problemi intravisti già nelle prove e si becca un richiamo dal mossiere. Piuttosto irrequieto anche il Nicchio, con Girolamo che forza la mossa e cade sul tufo fortunatamente senza conseguenze.
Pochi minuti dopo la prima mossa falsa, il Bruco entra e l'Onda scatta subito in testa seguita da Aquila, Giraffa, Leocorno, Selva e Nicchio che dopo una partenza dalle retrovie cerca di prendere una traiettoria interna. Più staccate Drago e Bruco. Gigi Bruschelli gira in testa, la Giraffa va giù ma nella spianata riesce a superare l'Aquila. Si arriva al primo Casato con l'Onda che mantiene la testa, seguita dalla Giraffa e dal Nicchio che dall'interno sorpassa l'Aquila, mentre il Leocorno cade. Al secondo ingresso a San Martino l'Aquila, che all'altezza del verrocchino aveva nuovamente sorpassato il Nicchio, gira larga e permette a Nicchio e Drago di passare. Si arriva al secondo Casato con le posizioni invariate, nell'ordine Onda, Giraffa, Nicchio, Drago, Aquila e Selva. Ultimo San Martino con Trecciolino che rischia di cadere perchè Ivanov va giù, ma l'Imperatore rimane a cavallo e mantiene la prima posizione seguito dalla Giraffa e dal Nicchio che arriva fortissimo dalle retrovie. Si arriva infine all'ultimo Casato, l'Onda gira prima, Girolamo su Misteriosu sorpassa la Giraffa e tenta l'assalto finale, ma l'Onda ormai è imprendibile.
Luigi Bruschelli detto Trecciolino conquista la sua tredicesima e riporta il Palio nell'Onda dopo 17 anni di astinenza.

>
                

i Masgalani                 






























LE CADUTE DEI FANTINI











Cliccate qui per vedere il video della carriera