2 luglio 2009
TARTUCA

DEDICATO AL 700° ANNIVERSARIO DEL COSTITUTO DEL COMUNE DI SIENA

L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
* Fantino esordiente
¹ Non corse per l'infortunio del cavallo durante la Prova Generale (cfr.)


Istriceddu CHIOCCIOLA Salasso
Elisir di Logudoro ISTRICE Trecciolino
Già del Menhir TARTUCA Gingillo
Insomma ONDA Voglia *
Giove Deus LUPA Vittorio
Elfo di Montalbo PANTERA Scompiglio
Indira Bella OCA
Ilon VALDIMONTONE Bighino
Fedora Saura DRAGO Tittia
(Iesael) CIVETTA non corse ¹

MOSSIERE: Giorgio Guglielmi da Vulci


    



CAPITANO: Massimo Sportelli
TENENTI: Vinicio Capitani, Michele Bernardoni
PRIORE: Alessandro Notari
VICARIO: Simone Ciotti
PROVICARI: Stefano Dragoni, Andrea Scarpini
BARBARESCO: Riccardo Salvini
VICE BARBARESCO: Matteo Anichini

La contrada non vinceva dal 16 agosto 2004
Il fantino non vinceva dal 16 agosto 2008




La Tartuca con Giuseppe Zedde detto Gingillo su Già del Menhir ha vinto il Palio di Provenzano 2009. Grande vittoria per il popolo di Castelvecchio che con uno splendido assolo conquista il cencio di Eugenia Vanni dopo 5 anni dall’ultima vittoria, conquistata nell’agosto 2004 con Luigi Bruschelli su Alesandra. Mossa laboriosa, con Guglielmi di Vulci che per ben cinque volte chiama tutti fuori e invalida tre mosse. Quando finalmente, dopo oltre un’ora, le Contrade trovano l’allineamento schizza fuori dai canapi la Tartuca, seguita dalla Lupa con Vittorio su Giove Deus e dalla Pantera con Scompiglio su Elfo di Montalbo. Al primo Casato l’Onda è costretta a fermarsi per un problema ad Insomma. La Tartuca prosegue la sua corsa con un allungo che non lascia spazio alle altre Contrade. Al primo passaggio alla mossa, scambio di nerbate tra Lupa ed Istrice, che cerca di fermare la progressione della rivale. I due giri successivi sono dominati dalla Tartuca che con netta superiorità guadagna diverse lunghezze, andando a tagliare per prima il bandierino, lasciandosi alle spalle Oca e Lupa. Un Palio che vede trionfare un cavallo e un fantino già vittoriosi nelle Carriere dell’anno scorso. Già del Menhir, alla sua terza Carriera, conferma le sue qualità sul tufo e torna ad affermarsi dopo l’esordio vittorioso dello scorso luglio con Trecciolino per i colori dell’Istrice. Conferma anche per il fantino Gingillo che, alla sua decima esperienza in Piazza, conquista il suo secondo Palio dopo il trionfo del 2008 nel Bruco con Elisir Logudoro. Curiosità: Le ultime tre volte che il Drago ha corso, ha avuto in sorte sempre il cavallo Fedora Saura (agosto 2007, luglio 2008, luglio 2009) e sempre si è trovato di rincorsa.

i Masgalani                






BURLA FUTURISTA































Cliccate qui per vedere il video della carriera