2 luglio 1988
NICCHIO

DEDICATO ALL'ACCORDO PER LA RIDUZIONE DELL'ARSENALE MISSILISTICO

L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
* Fantino esordiente

Galleggiante OCA Aceto
Figaro CIVETTA Truciolo
Amore TARTUCA Tredici *
Benito III NICCHIO Massimino II
Vipera ONDA Cianchino
Briosca VALDIMONTONE Il Pesse
Italicu GIRAFFA Cittino II
Sole Rosso TORRE Ercolino
Fogarizzu ISTRICE Bonito da Silva
Inola BRUCO Bastiano

MOSSIERE: Mauro Checcoli


    



CAPITANO: Luigi Vigni
PRIORE: Franco Filippini
MANGINI: Filippo Geraci - Settimio Pecciarelli
BARBARESCO: Giancarlo Cambi

La contrada non vinceva dal 16 agosto 1984
Primo Palio vinto da questo fantino




Benito si conferma il Re della Piazza esaltando il Nicchio che alla prima occasione cancella la purga del settembre 1986. I movimenti nelle prove sono molto intensi, Tartuca e Torre cambiano tre monte, Civetta e Giraffa si scambiano il fantino. Per la diciannovesima ed ultima volta Aceto veste il giubbetto tricolore dell'Oca, record assoluto di presenze di un fantino in una singola Contrada. Il nuovo Mossiere, Mauro Checcoli, è costretto a fare uscire i cavalli dai canapi per tre volte, Montone e Nicchio, separati dall'Onda, si cercano scambiandosi promesse e minacce. Il quarto allineamento è decisivo, il Bruco entra e partono prime Oca, Onda e Nicchio, con Massimino che si libera subito della morsa del Pes, dopo pochi metri si infortuna il cavallo della Giraffa. A San Martino l'Onda e il Nicchio fanno il vuoto, Vipera e Benito sono nettamente superiori agli altri cavalli. Al primo Casato cade l'Istrice che stava rimontando, Massimino si avvicina sensibilmente a Cianchino e lo passa dopo pochi metri dall'interno. Il fantino del Nicchio controlla la corsa con la tranquillità di un veterano, dietro aumenta il distacco dell'Onda, Tartuca e Oca lottano per il terzo posto ed il Bruco cade. Massimino arriva al terzo bandierino con un sorriso smagliante, un fiume blu invade la pista, mentre i civettini sfogano la loro rabbia su Truciolo, autore di una prestazione assolutamente mediocre sul forte Figaro. Per Benito è la seconda vittoria consecutiva, ottenuta ancora con un tempo molto basso, per Massimino il primo successo conquistato per la Contrada che l'ha lanciato e sostenuto anche nei momenti difficili successivi all'infortunio dell'agosto 1986.

(Da "Daccelo!" di Roberto Filiani)
I Masgalani          I Tempi della corsa














LE CADUTE DEI FANTINI








NUMERO UNICO


Cliccate qui per vedere il video della carriera