2 luglio 1987
SELVA


L'ordine Ŕ quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine

Benito III DRAGO Falchino
Tulipano di Arlem OCA Bazzino
Mariolina PANTERA Silvio
Sigfrido AQUILA Spillo
Brandano CHIOCCIOLA Bastiano
Bagnolo ISTRICE Cianchino
Signora Lia LEOCORNO Massimino II
Maril¨ GIRAFFA Truciolo
Amore LUPA Ercolino
Vipera SELVA Bonito da Silva

MOSSIERE: Piero D'Inzeo


    



CAPITANO: Fabio Rugani
PRIORE: Flavio Mocenni
MANGINI: Carlo Bernardini - Alessandro Del Porro
BARBARESCO: Velio Cini

La contrada non vinceva dal 7 settembre 1980
Unico Palio vinto da questo fantino




La Selva conquista la sua undicesima vittoria dal dopoguerra, in una Carriera in cui era addirittura in dubbio la sua partecipazione. La tratta fa felici Drago e Chiocciola a cui toccano rispettivamente Benito e Brandano. In San Marco arriva, dalla Selva, l'esperto Bastiano a caccia di rivincite, in Camporegio viene confermato l'emergente Falchino. Fanno ben sperare anche Amore e Vipera che tuttavia non Ŕ in buone condizioni fisiche, come Maril¨ e Tulipano di Harlem. La Selva nelle prime tre prove monta Bastiano, Bonito e Il Pesse, ma proprio quando la scelta sembra cadere su quest'ultimo nascono i primi problemi per Vipera che viene esentata per le restanti prove. Il cavallo della Selva ha un ditino rotto, addirittura circolano voci di un prossimo abbattimento, la Contrada di Vallepiatta viene data per sicura assente. Ma sottoposta a pazienti e "miracolose" cure Vipera si riprende, a sorpresa Il Pesse resta a piedi e viene sostituito dal diciannovenne Bonito, pescato all'ultimo momento giÓ in procinto di tornare a casa. La mossa del Palio ha tempi molto rapidi, quando la Selva entra c'Ŕ molta confusione, alcune Contrade sono fuori posto, ma per D'Inzeo la partenza Ŕ valida. In testa vanno Oca, Pantera e Chiocciola, attardata l'Aquila cosý come la Selva che Ŕ ultima. A San Martino la svolta del Palio, cade prima l'Istrice, poi Pantera, Oca e Chiocciola, con il povero Brandano che trova la morte sul tufo. La Selva, che era risalita in quinta posizione, evita il tremendo impatto e passa in testa, seguono Lupa e Drago. Le prime posizioni restano invariate fino all'ultimo San Martino dove cade Ercolino nella Lupa e il Drago passa secondo, ma per Falchino c'Ŕ solo il secondo posto ed il dolore per la morte del suo Brandano. Bonito alza il nerbo, la Selva vince un Palio che non doveva nemmeno correre, tra la gioia dei selvaioli si confonde il dolore per la morte dell'amatissimo Brandano. Nei giorni successivi al Palio le polemiche si sprecano. La "rinascita" di Vipera non convince molti contradaioli, c'Ŕ chi accusa la dirigenza di Vallepiatta di aver sfruttato la frattura del ditino per fare pretattica, altri ipotizzano addirittura una sostituzione illegale del cavallo. In risposta ironica a queste dicerie la Selva intitola il suo numero Unico "Il ditino nell'occhio".

(Da "Daccelo!" di Roberto Filiani)
I Masgalani          I Tempi della corsa

















LE CADUTE DEI FANTINI








NUMERO UNICO


Cliccate qui per vedere il video della carriera