16 agosto 1959
OCA

DEDICATO AL 4░ CENTENARIO DELLA FINE DELLA REPUBBLICA SENESE A MONTALCINO


L'ordine Ŕ quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
* Fantino esordiente

SalomŔ de Mores BRUCO Mezz'etto
Tacomba TARTUCA Menghino
Briosa ISTRICE Il Terribile
Uberta de Mores TORRE Biba
Gaudenzia SELVA Rondone
Giacra CIVETTA Giove
Sarna LEOCORNO Pennello *
Gavottina GIRAFFA Solitario
La Gigolette AQUILA Tristezza
Tanaquilla II OCA Ciancone

MOSSIERE: Carlo Andrea Fagnani


    



CAPITANO: Ugo Signorini
GOVERNATORE: Alessandro Raselli
MANGINI: Pietro Fontani - Primo Martini
BARBARESCO: Enrico Ceccanti

La contrada non vinceva dal 16 agosto 1952
Il fantino non vinceva dal 2 luglio 1955




Gli anni cinquanta si chiudono con un Palio altamente spettacolare e ricco di colpi di scena. La tratta Ŕ ricca di soggetti quotati e pone in primissimo piano Bruco, Torre ed Oca, rispettivamente con SalomŔ, Uberta e Tanaquilla. Le tre favorite definiscono subito le monte, nel Bruco c'Ŕ Mezzetto che vince le prime quattro prove, nell'Oca il solito Ciancone, nella Torre c'Ŕ Vittorino. Il colpo di scena si ha alla terza prova, Vittorino non conclude i tre giri e sceso da cavallo lascia Uberta in pista, Ciancone ci va a sbattere sopra e fra Salicotto e Fontebranda si apre una battaglia "politica". L'Oca riesce ad ottenere la squalifica immediata di Vittorino, nonostante la dura opposizione della Torre che rimane senza monta ed Ŕ costretta ad affidarsi a Biba che arriva dall'Istrice per la provaccia. La mossa del Palio Ŕ perfetta, solo la Selva con la vecchia Gaudenzia resta ferma. L'Oca Ŕ di rincorsa ma la Torre riesce lo stesso a partire bene, insieme a Bruco, Giraffa e Leocorno. Il primo giro Ŕ altamente spettacolare, si nerbano Oca e Torre, lo stesso accade fra Bruco e Giraffa, il solo Leocorno evita contatti e si porta a ridosso di Mezzetto e SalomŔ. Il Bruco, liberatosi dalla pressione della Giraffa, gira primo al secondo San Martino, il vantaggio Ŕ tale da far sembrare il Palio giÓ chiuso. Ma davanti la cappella Mezzetto si trova davanti lo scosso dell'Istrice che passeggia per la pista, l'impatto Ŕ inevitabile, il fantino del Bruco cade insieme ad un vigile urbano, brucaiolo, che era entrato in pista per togliere Briosa da quella posizione pericolosa. A sorpresa prende la testa il Leocorno, con la coppia di debuttanti Pennello-Sarna, dietro, dopo un nuovo scambio di nerbate con la Torre, l'Oca Ŕ passata al secondo posto. Al terzo San Martino il cavallo del Leocorno si infortuna e l'Oca pu˛ passare al comando, il disperato tentativo della Torre si infrange all'ultimo Casato con la caduta di Biba. Uberta scossa non pu˛ nulla e per Fontebranda Ŕ un trionfo costruito con abilitÓ, astuzia "diplomatica" e tanta fortuna. Ultimo Palio di Ivan Magnani detto "Terribile" sempre presente dal luglio 1949, ventiquattro carriere consecutive.

(Da "Daccelo!" di Roberto Filiani)


        

















LE CADUTE DEI FANTINI








NUMERO UNICO


MASGALANI