2 luglio 1951
PANTERA



CAPPOTTO REALIZZATO DA CIANCONE

L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
* Fantino esordiente

Salomè SELVA Mezz'etto *
Volpe NICCHIO Falchetto *
Gina TORRE Ganascia
Archetta PANTERA Ciancone
Fato VALDIMONTONE Il Terribile
Marcellina OCA Biondo
Niduzza BRUCO Rompighiaccio
Dorina GIRAFFA Gelato *
Stellina TARTUCA Ranco
Titina CHIOCCIOLA Bazza

MOSSIERE: Guido Guidarini


    



CAPITANO: Alessandro Cialfi
PRIORE: Gino Baroni
MANGINI: Gaetano Vanni - Alberto Giannini
BARBARESCO: Alvaro Minucci

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1926
Il fantino non vinceva dal 2 luglio 1950




Ancora una volta ci sono notevoli difficoltà a reperire cavalli per la tratta, questa volta all'orario stabilito sono presenti addirittura solo quattro soggetti. Si parte in ritardo e la fortuna bacia le tre contrade che non vincono da più tempo. Alla nonna Selva tocca ancora una volta la grigia Salomè, al suo quattordicesimo Palio, a montarla c'è il minuscolo Mezzetto, fantino siciliano che sfila nel corteo con una montura ottocentesca, visto che in quella solita per il fantino ci sta larghissimo. Nel Bruco, a secco dal 1922, si riforma per la terza volta consecutiva, negli ultimi tre Palii disputati, la coppia Rompighiaccio-Niduzza. Anche la Pantera, a digiuno da venticinque anni, spera molto, con l'esordiente Archetta e Ciancone, ormai leader indiscusso fra i fantini, che arriva in "prestito" dalla Tartuca. La sera del Palio c'è molta tensione fra i canapi, due allineamenti non vanno a buon fine, ci vuole tutta l'abilità del Mossiere Guidarini per far partire i cavalli. Il più lesto è Ciancone che porta in testa la Pantera, seguono Selva, Nicchio e Torre, il Bruco parte decisamente male. Per la Pantera è una costante corsa di testa, le uniche insidie sono portate al primo giro da Nicchio e Selva, con i debuttanti Falchetto e Mezzetto in grande evidenza. Il Nicchio però cade al primo Casato, per Ciancone la corsa si fa ancora più lineare, mentre nelle retrovie finisco sul tufo le speranze del Bruco, Ganascia cade all'ultimo Casato. Il Gentili arriva al bandierino sorridente, dietro, staccate di molto la Selva e lo scosso della Torre.

(Da "Daccelo!" di Roberto Filiani)
















LE CADUTE DEI FANTINI





NUMERO UNICO


MASGALANI