16 agosto 1951
TARTUCA



CAPPOTTO REALIZZATO DA CIANCONE

L'ordine Ŕ quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
* Fantino esordiente

Gina BRUCO Granatino *
Niduzza PANTERA Lampino
Dorina TORRE Il Terribile
Titina CHIOCCIOLA Bazza
Bagnorea TARTUCA Ciancone
Nick CIVETTA Boccaccia
Volpe LEOCORNO Pietrino
Lella LUPA Ranco
SalomŔ SELVA Mezz'etto
Archetta ISTRICE Biondo

MOSSIERE: Guido Guidarini


    



CAPITANO: Remigio Rugani
PRIORE: Ottaviano Neri
MANGINI: Augusto Mazzini - Giulio Francioni
BARBARESCO: Ampelio Sacchi

La contrada non vinceva dal 16 agosto 1933
Il fantino non vinceva dal 2 luglio 1951




Nessun problema alla tratta, stavolta si sceglie fra ben ventidue soggetti, un record. SalomŔ, al suo quindicesimo ed ultimo Palio, tocca per la quarta volta alla Selva che ripresenta Mezzetto. Niduzza, per la prima volta "orfana" di Rompighiaccio, fa sognare il cappotto ai panterini. Nell'Istrice, affamato di vittoria, arriva la fresca vincitrice di luglio, Archetta. Ciancone si accorda subito con la Tartuca per montare la purosangue Bagnorea, Civetta ed Istrice si scambiano il fantino, Amaranto nel Castellare ed il Biondo in Camollia. Alla prima prova Gina, il barbero del Bruco si azzoppa, Rompighiaccio che lo montava sparisce, al Palio, corso solo per onor di firma, arriva Granatino, con tutta probabilitÓ il primo fantino sardo a correre in Piazza del Campo. La mossa Ŕ molto confusa per la vicinanza fra Chiocciola e Tartuca, la Lupa risale continuamente verso il verrocchio per bloccare l'Istrice di rincorsa. La manovra di Ranco ha successo, l'Istrice entra ma le sue possibilitÓ di successo sono giÓ compromesse, con Selva, Torre e Chiocciola che se ne sono giÓ andate. Il Palio del Bruco Ŕ giÓ finito con la zoppa Gina ferma al canape. Nel primo giro la Selva accumula un discreto vantaggio, in seconda posizione si Ŕ inserita la Tartuca con la sorprendente Bagnorea, anche la Pantera in progressione sta ben recuperando. Al secondo San Martino le prime due posizione restano immutate, ma la vecchia SalomŔ non pu˛ reggere a lungo il ritmo forsennato del binomio di Castelvecchio. La Tartuca passa in testa con dietro Mezzetto che Ŕ addirittura aggrappato al collo di SalomŔ. Per Ciancone Ŕ il cappotto personale, ottenuto con un'autorevolezza che non ammette repliche, vincere in due contrade a digiuno da molti anni con due barberi debuttanti Ŕ un'impresa eccezionale.

(Da "Daccelo!" di Roberto Filiani)


















NUMERO UNICO


MASGALANI