2 luglio 1947
NICCHIO



L'ordine Ŕ quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
* Fantino esordiente

Farfallina SELVA Ganascia
Vittoria DRAGO Rubacuori
Lola BRUCO Fildiferro I *
Folco TORRE Bubbolino
Mario CHIOCCIOLA Pietrino
Farfalla GIRAFFA Biondino
Brillante LUPA Biondo
Topo VALDIMONTONE Ranco
SalomŔ NICCHIO Ciancone
Gioioso TARTUCA Boccaccia

MOSSIERE: Guglielmo Ricci


    



CAPITANO: Minna Sobilia Palmieri Nuti Caraffa di Roccella
PRIORE: Roberto Guerrini
MANGINI: Cesarino Rocchi - Enrico Mauti
BARBARESCO: Gino Scali

La contrada non vinceva dal 16 agosto 1932
Il fantino non vinceva dal 16 agosto 1946




Per la prima volta nella storia del Palio una donna riveste la carica di Capitano, Ŕ Sobilia Palmieri Nuti che centra la vittoria al suo esordio. Per il Nicchio, che parte favorito, comunque le scelte non sono facili, la Capitana cambia ben cinque fantini e decide di dare fiducia a Ciancone nonostante in una prova fosse rimasto al canape nettamente sorpreso. Dalla mossa partono primi Torre, Lupa, Nicchio e Tartuca, il vecchio Folco non riesce a reggere il ritmo dei primi e viene riassorbito dal gruppo. Passano prime Nicchio e Tartuca, la Lupa, altra grande favorita, rimane terza. La carriera non ha storia e quest'ordine si mantiene inalterato fino alla fine. Ciancone arriva al bandierino sorridente, una vittoria nettissima turbata solo da un lancio di un bastone dalla piazza, per fortuna andato a vuoto. Dicono addio alla piazza i protagonisti del famoso Palio della Pace, Folco dopo una carriera mitica, venti Palii corsi ed otto vinti in quattordici anni, Rubacuori esce di scena in maniera traumatica inseguito e picchiato dagli ocaioli che lo ritengono responsabile del mancato ostacolo al Nicchio.

(Da "Daccelo!" di Roberto Filiani)














LE CADUTE DEI FANTINI





NUMERO UNICO