16 agosto 1936
DRAGO



L'ordine Ŕ quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine

* Fantino esordiente

Masina LUPA Donatino
Caterina BRUCO Porcino
Aquilino DRAGO Tripolino
Melisenda VALDIMONTONE Bubbolino *
Valerio GIRAFFA Bovino
Bengodi TORRE Smania
Rondinella AQUILA Ganascia
Folco NICCHIO Boccaccia
Ruello PANTERA Meloncino
Pino CHIOCCIOLA Biondo

MOSSIERE: Guido Guidarini


  

  



CAPITANO: Silvestro Nozzoli
PRIORE: Pietro Concialini

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1921
Il fantino non vinceva dal 2 luglio 1935




  


Folco e Ruello fanno ben sperare nella vittoria Nicchio e Pantera. Nei Pispini approda Amaranto, in Stalloreggi, Meloncino sostituisce lo Sgonfio alla terza prova. Tripolino passa dalla Lupa al Drago che nutre grandi ambizioni di successo con l'esperto Aquilino e un discreto capitale da spendere. Nella Chiocciola il Biondo soffia il posto a Morino, Donatino passa dal Montone alla Lupa. Nella Torre, alla terza prova, c'Ŕ Pietrino, protagonista discusso del Palio di luglio per i colori dell'Oca, ma alla fine ritorna Smania. Nel Montone corre il debuttante Bubbolino su Melisenda, per la quarta volta nella stalla dei Servi. Dalla mossa parte prima il Drago, seguono Montone, Aquila e Nicchio. La Chiocciola, partita di rincorsa, si affianca alla Pantera e l'ostacola duramente. I soldi elargiti alla mossa da Tripolino hanno il loro effetto, il Drago in breve tempo fa il vuoto. Nel frattempo Ganascia, nell'Aquila su Gobba, affronta Meloncino, con il quale ha dei rancori personali. L'ostacolo Ŕ durissimo, Meloncino cade rovinosamente, la Pantera perde ogni possibilitÓ di vittoria, l'episodio Ŕ l'embrione dell'attuale rivalitÓ fra le due contrade. Tutto facile per il Drago, il Nicchio Ŕ troppo staccato per insidiare Tripolino ed Aquilino che portano la gioia in Camporegio dopo quindici anni.

(Da "Daccelo!" di Roberto Filiani)