2 luglio 1934
CIVETTA



CAPPOTTO REALIZZATO DA MELONCINO

L'ordine Ŕ quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine

* Fantino esordiente

Folco DRAGO Ganascia
Aquilino GIRAFFA Pietrino
Beppina CHIOCCIOLA Porcino
Stellino OCA Sgonfio
Vespa BRUCO Ruscetto
Wally SELVA Ulisse
Ruello CIVETTA Meloncino
Rosetta ONDA Morino III
Melisenda VALDIMONTONE Donatino *
Cleise TORRE Boccaccia

MOSSIERE: Guglielmo Ricci


    



CAPITANO: Rodolfo Angelucci
PRIORE: Guido Ricci

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1893
Primo Palio vinto da questo fantino




Il TONO, dopo tanti successi, ha la ghiotta occasione per far prendere la cuffia alla Torre. La Civetta, unica contrada a non aver ancora vinto nel secolo, ha in sorte il grigio Ruello a montarlo arriva Meloncino, fantino molto legato all'Oca. L'altra grande favorita Ŕ il Drago, con Ganascia e Folco, insieme per la terza volta consecutiva. La prima prova salta per la pioggia, nelle altre succede ben poco, da segnalare solo scambio di fantini fra Chiocciola e Selva ed il cambio di monta nella Torre, dove Amaranto sostituisce Cittino. Al Montone tocca per la terza volta consecutiva Melisenda che viene affidata al debuttante Donato Gallorini detto "Donatino" o "Ardito". Dalla mossa esce prima la Civetta, seguono Giraffa e Selva. Meloncino e Ruello girano primi a San Martino, dietro recupera il Drago che era partito molto male. La Civetta fa una splendida corsa di testa, al secondo Casato casca l'Oca, ne approfitta la Torre che si inserisce in terza posizione. Inizia il terzo giro con la Civetta al comando con un buon margine di vantaggio su Drago e Torre. Meloncino Ŕ determinatissimo, vuoi far pagare a Ganascia le nerbate rifilate al padre Tanno prima, corre alla grande non lasciando possibilitÓ di rimonta agli inseguitori. La Civetta vince il Palio dopo quarantuno anni di astinenza, la cuffia passa alla Torre a digiuno dal 1910, il TONO continua a dominare.

(Da "Daccelo!" di Roberto Filiani)