2 luglio 1925
VALDIMONTONE



L'ordine Ŕ quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei cavalli, su quelli dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

* Fantino esordiente

B. di M.Busisi BRUCO Porcino
G. di G.Roggi ISTRICE Bubbolo
Fanfara LUPA Rossi Angelo
Lola VALDIMONTONE Picino
B. di C.Capperucci CIVETTA Garibaldi *
S. di L.Franci NICCHIO Memmo
B. di S.Brandi AQUILA Cispa
Fiorello GIRAFFA Randellone
S. di G.Cerpi DRAGO Magnelli Nello
M. di O.Fiaschi TORRE Pirulino

MOSSIERE: Adolfo Ponticelli


Arch. Stato Siena - Camera di Commercio 290 - serie 5-6-7


CAPITANO: Nello Ballati
PRIORE: Silvio Bonaiuti

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1922
Il fantino non vinceva dal 16 agosto 1924




La sorte favorisce la Lupa con la portentosa Fanfara ed il Montone con Lola, buone possibilitÓ anche per la Giraffa con il veloce e scattante Fiorello. Molto movimento nelle prove, solo Nicchio e Lupa non cambiano mai la monta. La Torre prova Randellone poi Garibaldi che gira alla Civetta in cambio di Pirulino. Randellone prova anche nel Bruco e passa alla Giraffa in cambio di Porcino. Cispa, lasciato a piedi dal Bruco, passa all'Aquila. Qualche acciacco nelle prove per i cavalli di Aquila, Bruco e Drago. Poco prima della carriera inizia a cadere una fitta pioggia che ne mette a serio rischio la disputa, alla fine si decide di correre, ma la pista Ŕ molto insidiosa e le cadute si sprecano. La mossa Ŕ molto confusa, i cavalli sono nervosissimi, in particolare quello dell'Istrice fa impazzire Bubbolo che non riesce a tenerlo fermo. La Torre entra e parte in testa la Lupa, seguono a breve distanza Giraffa, Montone ed Aquila. Al primo San Martino, con la Lupa ancora al comando, cade la Giraffa, pi¨ dietro stessa sorte per Bruco, Istrice e Civetta. Al primo Casato Picino supera l'inesperto Angelo Rossi, l'Aquila Ŕ al terzo posto. Al secondo giro cadono Torre, Nicchio e Drago, il Montone continua a condurre tallonato da Lupa ed Aquila. Angelo Rossi e Cispa lottano strenuamente ma Picino spinge molto forte Lola e riesce a mantenere sino al termine un vantaggio di due lunghezze. Decima vittoria per Angelo Meloni detto "Picino", la terza ottenuta nel Montone, contrada in cui non correva da quindici anni.

(Da "Daccelo!" di Roberto Filiani)