2 luglio 1891
SELVA



L'ordine NON è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

* Fantino esordiente

B. di P.Neri TARTUCA Fiammifero
M. di A.Berni VALDIMONTONE Leggerino
S. di C.Vallesi AQUILA Montieri *
B. di U.Betti LEOCORNO Dannato
B. di L.Franci CIVETTA Girolametto
G. di V.Ramalli OCA Pirrino
B. di G.Sampieri LUPA Ansanello
M. di G.Fioravanti NICCHIO Truci
Farfallina SELVA Bozzetto
B. di S.Sprugnoli CHIOCCIOLA Tagatta

MOSSIERE: Lodovico Tito Sarrocchi   






CAPITANO VITTORIOSO: Giuseppe Lenzi
PRIORE VITTORIOSO: Giuseppe Bindi Sergardi

La contrada non vinceva dal 4 luglio 1880
Primo Palio vinto da questo fantino




I migliori cavalli l'ebbero Selva e Aquila; discreti Montone, Tartuca e Chiocciola; venivano quindi gli altri, il peggiore dei quali toccò al Nicchio. Quello della Lupa si diceva fosse un buon cavallo, ma non si potè giudicare perchè non voltava. La 1ª prova fu vinta dall'Aquila, tutte le altre dalla Selva, la provaccia dell'Unicorno. Il palio fu vinto dalla Selva. Dal 1885 fu per la 1ª volta in quest'anno aperto il corteo delle comparse dalla Banda Municipale che percorse la pista suonando, a gran distanza però dalle comparse medesime. Il ragguaglio del Palio lo vediamo dal giornale il "Libero Cittadino" che in poche parole la dice abbastanza esattamente: "Siena 2 Luglio - Stasera è stato corso il consueto palio e allo spettacolo sempre gradito ai Senesi, assisteva molta gente venuta anche di fuori e specialmente dalla campagna e dai paesi vicini. Dopo il solito corteo delle comparse, ha avuto luogo la corsa: la mossa è stata abbastanza buona, la Contrada della Selva che aveva il miglior cavallo ha avuto la fortuna di scappare prima e quindi ha riportato la vittoria senza alcun contrasto. Non sono però mancate le nerbate tra i fantini che venivano dopo, nessun capitombolo, e tutto ha proceduto nel medesimo ordine. Se a tutto questo aggiungiamo che 2ª fu l'Aquila per tutta la corsa a qualche distanza dalla Selva e dal Val di Montone che fu terza e 4ª la Chiocciola che sul finire della corsa passò la Tartuca arrivata 5ª, avremo completato in succinto l'andamento del palio, in quanto poi alle altre Contrade possiamo dire che rimasero molto indietro da quelle suindicate. I fantini della Chiocciola e della Tartuca non contenti delle molte nerbate che si erano date durante la corsa, continuarono a nerbarsi anche dopo il mortaretto della vincita". Le altre Contrade arrivarono nell'ordine seguente: 6ª Civetta, 7ª Oca, 8° Unicorno, 9° Nicchio, 10ª Lupa.

(Da "I quaderni del Griccioli" della Nobil Contrada dell'Aquila)