2 luglio 1890
DRAGO



1° CAPPOTTO REALIZZATO DA QUESTA CONTRADA
1° CAPPOTTO REALIZZATO DA TABARRE

L'ordine NON è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

B. di G.Sampieri GIRAFFA Bozzetto
S. di S.Merlotti SELVA Leggerino
S. di S.Sprugnoli PANTERA Tagatta
M. di G.Galardini ISTRICE Massimino I
B. di A.Barducci ONDA Pirrino
M. di A.Zampi NICCHIO Ansanello
Prete DRAGO Tabarre
Farfallina CHIOCCIOLA Citto
B. di T. Sarrocchi BRUCO Leone
M. di L.Vanni TORRE Il Moro

MOSSIERE: Giuseppe Valteroni






CAPITANO VITTORIOSO: Federigo Spannocchi Raffa
PRIORE VITTORIOSO: Patrizio Chiusarelli

La contrada non vinceva dal 18 agosto 1890
Il fantino non vinceva dal 4 luglio 1889




L'assegnazione dei cavalli alle Contrade fu fatta secondo il solito, la mattina del 29 giugno, e i 10 scelti fra i 17 in nota furono sorteggiati fra le contrade. I migliri cavalli l'ebbero: Drago, Chiocciola, Nicchio. Quello del Drago era il favorito, cavallo già dei F.lli Bruni di Vescovado, vecchio ma sempre bravo. Venivano quindi quello della Selva, poi Pantera, Bruco, cattivi Giraffa, Onda, Istrice e Torre. La 1ª prova fu vinta dalla Chiocciola alla distanza di circa 1,5 di girata dalle Contrade Selva, Nicchio e Pantera che la seguivano. La 2ª e 3ª prova non ebbero luogo a causa della pioggia; la 4ª fu vinta dal Drago; la prova generale dalla Chiocciola; la provaccia del Bruco. Il palio fu vinto dal Drago. Dal canape prime a partire furono Nicchio, Pantera, Selva e Drago, quindi le altre, eccetto Torre e Giraffa i di cui fantini dissero alcuni, chiapparono quello della Chiocciola; secondo altri chiapparono solo le guide del cavallo, taluni poi sostennero, e questa sembra fosse la verità, che solo quello della Giraffa chiappò il fantino della Chiocciola mentre quello della Torre ponevali dinanzi a traverso il proprio cavallo. In sostanza ambedue impedirono alla Chiocciola di prendere lo slancio insieme agli altri, ma benchè avesse ritardato di non poco la partenza, innanzi di giungere a S.Martino trovavasi 4ª e così rimase per tutta la corsa essendo stata continuamente tenuta indietro col nerbo dalla Selva. Il Drago poco dopo la partenza passava la Selva, Pantera e Nicchio e a S.Martino voltava primo, tale mantenendosi per tutto il resto della corsa. Al 3° giro, alla voltata di S.Martino, il fantino del Nicchio, per l'urto ricevuto battendo nel colonnino che forma la voltata medesima, poco mancò non sbalzasse da cavallo, la qual cosa molto influì per fargli perdere terrreno che con tanta destrezza aveva guadagnato, quasi da ritenere dovesse passare il Drago. Alla vincita arrivarono nell'ordine seguente: 1° Drago, 2° Nicchio, 3ª Selva, 4ª Chiocciola, 5° Bruco, 6ª Pantera, 7ª Onda, 8° Istrice, 9ª Torre, 10ª Giraffa. Alla Chiocciola fu impedita la partenza perchè, oltre non avere combinato alcun partito con le altre Contrade, dal suo fantino non furono concordate con gli altri alcune regalie e bevareccie nel caso fosse riuscito vincitore.

(Da "I quaderni del Griccioli" della Nobil Contrada dell'Aquila)