16 agosto 1884
BRUCO



CAPPOTTO REALIZZATO DA BOGGIONE

L'ordine NON è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

* Fantino esordiente

B. di G.Semplici LUPA Cecco
B. di R.Bellini BRUCO Boggione
B. di N.Nardi TORRE Pirrino
B. di A.Gracci Nicchio Ceccarelli Raffaello
Prete TARTUCA Il Moro
M. di G.Carlini CIVETTA Sordo
M. di A.Gracci SELVA Leggerino
M. di G.Savelli ONDA Masino
B. di L.Beligni GIRAFFA Truci *
M. di L.Beligni PANTERA Filusella

MOSSIERE: Giuseppe Valteroni






CAPITANO VITTORIOSO: Giulio Frati
RETTORE VITTORIOSO: Giovanni Minucciani

La contrada non vinceva dal 16 agosto 1876
Il fantino non vinceva dal 2 luglio 1884




I migliori cavalli toccarono: al Bruco la cavallina baia chiamata Farfallina di Remigio Bellini, vincitrice di Luglio; alla Tartuca il morello dei F.lli Bruni di Vescovado; alla Civetta il morello di Francesco Carlini; alla Selva un morello, balzano da 4, chiamato Lupetto, di Antonio Gracci. Vinse il Bruco, il quale scappato primo dal canape tale si mantenne per tutta la corsa. Nonostante vi fossero molte nerbate, il palio riuscì senza contrasto, perchè i migliori cavalli, cioè Tartuca e Civetta, nulla figurarono. Alla vincita arrivarono nell'ordine seguente: 1° Bruco, 2ª Selva, 3ª Torre, 4ª Onda, 5ª Tartuca, 6ª Civetta, 7ª Lupa, 8ª Pantera, 9ª Giraffa, 10° Nicchio.

Il fantino della Torre (L.Franci detto Pirrino) essendosi ostinato malgrado i ripetuti ordini ricevuti, allorchè trovavasi fra i due canapi, e non voleva restare al proprio posto (N°3), ma invece a collocarsi al N°2 presso la Lupa con deliberazione della Giunta Municipale del 4 Settembre 1884 fu negato per un anno dal prendere parte alle corse del palio.

(Da "I quaderni del Griccioli" della Nobil Contrada dell'Aquila)