16 agosto 1841
LUPA



2° CAPPOTTO REALIZZATO DA CAMPANINO

L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

* Fantino esordiente

B. di G.Piazzesi DRAGO Bonino
M. di N.Bianciardi TARTUCA Ghiozzo
M. di A.Rogani SELVA Prete
B. di L.Gasperini LEOCORNO Giacco
M. di G.Poggiali NICCHIO Betto
M. di F.Santini TORRE Partino Maggiore
M. di L.Barbetti LUPA Campanino
M. di G.Soldani PANTERA Figlio di Bonino
B. di A.Riccucci AQUILA Baule *
M. di L.Bizzarri CHIOCCIOLA Gobbo Saragiolo

GIUDICI DELLA MOSSA: Enrico Mocenni e Giorgio De Vecchi

CAPITANO VITTORIOSO: Giuseppe Donnini

La contrada non vinceva dal 18 agosto 1833
Il fantino non vinceva dal 2 luglio 1841




Vinse il Palio la Contrada della Lupa correndoci Campanino nel cavallo morello maltinto di Leonardo Barbetti ortolano. La Carriera riuscì poco dilettevole, scappò la prima dalla mossa, e tale sempre si mantenne seguitata dalla Selva che fu sempre seconda. La Chiocciola fu trattenuta dalla Tartuca, e l'altre Contrade nulla figurarono. Nell'accostarsi i fantini al canape l'Unicorno, il Drago, ed il Nicchio caddero, e convenne fargli tornare tutti indietro. Lo spettacolo fu decorato dalle duplici bandiere delle 7 Contrade che non correvano procedute dal carro col Palio, e seguitate dalle raddoppiate bandiere delle 10 Contrade ammesse alla Corsa colle respettive comparse, e banda Civica.

(Da "Memorie di Palio a cavallo tre secoli" a cura di Paolo Tertulliano Lombardi)