2 luglio 1835
PANTERA



L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

* Fantino esordiente

M. di G.Bellaccini AQUILA Diavoletto
B. di G.Donati DRAGO Brandino Minore *
M. di C.Cubattoli LEOCORNO Maremmanino
B. di G.Piazzesi SELVA Cicciolesso
M. di D.Bruttini GIRAFFA Gobbo Saragiolo
B. di G.Gorelli VALDIMONTONE Bonino
M. di S.Rossi CIVETTA Storto *
M. di M.Castellacci TORRE Brutto
M. di L.Jacopi PANTERA Campanino
M. di S.Felli LUPA Ghiozzo

GIUDICI DELLA MOSSA: Giovanni Cosatti Casolani e Vincenzo Selvi

CAPITANO VITTORIOSO: Paolo Pulcinelli
PRIORE VITTORIOSO: Gaetano Macchi

La contrada non vinceva dal 16 agosto 1821
Il fantino non vinceva dal 16 agosto 1830




Vinse la Pantera correndovi Campanino nel cavallo morello di Lorenzo Jacopi. La gara non fu che fra tre Contrade, cioè la Giraffa, Valdimontone, e Pantera, la prima delle quali fu prima per mezza girata passata poi dal Valdimontone che fu prima fino alla metà della seconda girata quando entrò prima la Pantera che non fu più arrivata, caddero a S.Martino la Civetta, la Selva, e l'Aquila e la Torre con buon cavallo alla pianata, e nell'ultima girata la Lupa fantino non aveva potuto trovare Contrada ove correre, saltò a S.Martino nel cavallo scosso della Civetta di proprio arbitrio entrò in carriera fino alla terza girata essendo poi caduto precipitosamente, e fu portato allo spedale dopo guarito è stato messo in carcere e inibito di venir per sempre in Siena in occasione di corse.

(Da "Memorie di Palio a cavallo tre secoli" a cura di Paolo Tertulliano Lombardi)