2 luglio 1829
TORRE



CAPPOTTO REALIZZATO DA GOBBO SARAGIOLO

L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

* Fantino esordiente

M. di S.Rossi GIRAFFA Stecco
G. di S.Felli SELVA Brutto
M. di P.Coppi TORRE Gobbo Saragiolo
M. di S.Felli PANTERA Campanino
M. di G.Batazzi OCA Caino
B. di G.Batazzi LEOCORNO Ghiozzo
B. di F.Gigli ISTRICE Cicciolesso
G. di S.Giorgi LUPA Brandino
M. di E.Barbetti NICCHIO Piaccina
B. di G.Batazzi TARTUCA Bonino

GIUDICI DELLA MOSSA: Celio Perini Brancadori e Antonio Pieri






CAPITANO VITTORIOSO: Eustachio Calvani

La contrada non vinceva dal 3 luglio 1825
Il fantino non vinceva dal 2 luglio 1923




Vinse il Palio la Contrada della Torre correndoci Francesco Santini detto Saragiuolo nel cavallo morello maltinto di Paolo Coppi. La carriera fu poco garosa, perché in essa uscì primo dalla mossa il Nicchio, che andò subito in S.Martino, ed allora entrò prima la Tartuca, che tale si mantenne per una girata, quando improvvisamente fermatosele il cavallo passò la Torre, e non fu più arrivata, a vincita di Palio la Tartuca fu seconda, e terza la Selva. L'altre Contrade nulla figurarono, ed il fantino dell'Istrice sbardellò alla prima girata alla voltata del Casato. Il tutto eseguito sotto la direzione dell'illustrissimi signori cav. Celio Perini Brancadori, e cav. Antonio Pieri Deputati agli spettacoli.

(Da "Memorie di Palio a cavallo tre secoli" a cura di Paolo Tertulliano Lombardi)