16 agosto 1812
TARTUCA



L'ordine Ŕ quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

* Fantino esordiente

B. di B.Gambelli BRUCO Scricciolo
M. di A.Bardotti VALDIMONTONE Brachino *
B. di P.Bruttini OCA Brandino
B. di B.Fontani CIVETTA Vecchia
B. di G.Manetti CHIOCCIOLA Pettiere
B. di G.Manetti ISTRICE Belloccio
B. di A.Felli SELVA Piaccina
M. di G.Mariotti TARTUCA Cicciolesso
B. di G.Bani GIRAFFA Caino
M. di G.Batazzi TORRE Botto

GIUDICI DELLA MOSSA: Girolamo Gigli e Luigi Bichi Borghesi

CAPITANO VITTORIOSO: Antonio Silvestri

La contrada non vinceva dal 4 giugno 1809
Primo Palio vinto da questo fantino




Vinse il solito Palio di 40 tolleri la Contrada della Tartuca contro la comune aspettativa, correndovi Luigi Brandani [detto Cicciolesso] secondo fratello di Brandino nel cavallo morello di Giuseppe Mariotti oste. Data la mossa forse troppo giovine erano prime la Selva, e la Giraffa che avevano i migliori cavalli, ma andate l'una e l'altra in S.Martino entr˛ prima la Tartuca, seconda la Chiocciola, terza la Civetta, e quarta la Torre, e si mantennero tali fino all'ultimo gareggiando tra loro e dandosi molte nerbate. Le altre Contrade nulla figurarono. Fu continuato il sistema introdotto fino dall'agosto dell'anno precedente di scorrere le Contrade la Piazza con le loro comparse a bandiera spiegata senza giocarla.

(Da "Memorie di Palio a cavallo tre secoli" a cura di Paolo Tertulliano Lombardi)