16 agosto 1810
OCA



2° CAPPOTTO REALIZZATO DA CAINO

L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

* Fantino esordiente

B. di S.Pagliaj ISTRICE Groppasecca II
B. di A.Bardotti NICCHIO Salvadori *
B. di G.Egidi TORRE Piaccina
B. di A.Bandini OCA Caino
M. di L.Meini BRUCO Vecchia
B. di A.Livi PANTERA Brandino
M. di B.Neri CHIOCCIOLA Brandino II
G. di A.Cortecci GIRAFFA Tonfo
M. di G.Pignotti VALDIMONTONE Figlio di Piaccina
M. di G.Petri SELVA Pettiere

GIUDICI DELLA MOSSA: Antonio Borgognini e Francesco Chigi

CAPITANO VITTORIOSO: Bernardino Neri
GOVERNATORE VITTORIOSO: Antonio Ferri

La contrada non vinceva dal 16 agosto 1804
Il fantino non vinceva dal 16 agosto 1808




Vinse il Palio la Contrada dell'Oca correndo Niccolò Chiarini [detto Caino] nel cavallo bajo del fornaio detto Buongiorno. La corsa fu bruttissima, perché fuori dell'Oca che scappò prima dalla mossa non figurò che la Pantera, la quale entrò avanti all'Oca dopo mezza girata, e si mantenne tale per più di una girata, e quindi fu sempre dopo l'Oca. La Selva a vincita di palio arrivò terza, ma a gran distanza. Le altre Contrade quasi tutte caddero, parte per disgrazia, parte per essersi azzuffate. Il Valdimontone fece una brutta caduta alla svolta di S.Martino alla seconda girata, il fantino pareva quasi morto, ma la mattina dopo fu in grado di uscire dallo Spedale*. Il fantino della Torre [detto Piaccina] caduto da cavallo salì nel cavallo scosso del Bruco [fantino Vecchia], e l'Istrice [fantino Groppa Secca] scese subito dal suo cavallo.

* In realtà nei registri dei ricoveri del Santa Maria della Scala non esiste questo riscontro.

(Da "Memorie di Palio a cavallo tre secoli" a cura di Paolo Tertulliano Lombardi)