16 agosto 1799
NICCHIO

RECUPERO DEL PALIO DI LUGLIO NON CORSO PER I MOTI ANTI-FRANCESI DEL W MARIA


L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

* Fantino esordiente

B. di P.Ricci LEOCORNO Valente di Belforte
B. di L.Faleri VALDIMONTONE Gigi Bestia
M. di A.Cortecci SELVA Gobbo Chiarini
B. di M. di Grazia BRUCO Polpettino
B. di A.Toti DRAGO Beppe Lordo *
M. di B.Ricci LUPA Grillo
B. di G.Righi CIVETTA Bastiano di Sughereto
B. di B.Mugnaini NICCHIO Mattiaccio
M. di A.Cortecci PANTERA Caino *
G. di G.Batazzi CHIOCCIOLA Piaccina

GIUDICI DELLA MOSSA: Fulvio Buonsignori e Luigi Dei

CAPITANO VITTORIOSO: Francesco Tanini

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1791
Il fantino non vinceva dal 3 luglio 1794




16 agosto 1799. In quest'anno rovinoso, pieno di disgrazie, e disastri a motivo dell'invasione dei francesi in Toscana fu sospesa la corsa del Palio in Piazza del 2 luglio dell'anno corrente, poiché governando anche in Siena i francesi medesimi, e dubitando che l'unire il popolo fosse cosa pericolosa, e che potesse servire di occasione a qualche insurrezione popolare, giacché il popolo, ed ogni ceto di cittadini fremeva nel sopportare il pesante, e crudele giogo del governo francese, e gli aretini, che furono i primi fra i popoli toscani ad insorgere, erano nelle vicinanze di Siena in molto numero, ed armati, perciò il comandante francese di questa piazza Giuseppe Ballet credé dovere ordinare che non si eseguisse la predetta Corsa differendola a tempo migliore, più quieto. Non mal si appose il predetto Comandante, poiché nel giorno 28 giugno alle ore due, e mezzo doppo mezzogiorno entrarono improvvisamente in Siena le truppe aretine seguite da moltissime persone dello Stato, e adiacenze sanesi. I francesi, che non si aspettavano una simil sorpresa, non ostante che vi fossero tutte le ragioni di crederla, e che moltissime persone del paese ne fossero informate, opposero alla Porta Romana, per dove entrarono gli aretini, pochissima resistenza, e si ritirarono in Fortezza. Per onore degli aretini, ed anche del nostro popolo mi risparmierò di far parola di tutti gli eccessi di crudeltà, massacri, e saccheggi accaduti in questa città in tale occasione specialmente contro il ghetto degli ebrei, tredici dei quali furono barbaramente uccisi, ed i cadaveri di due bruciati in Piazza a piedi dell'albero della libertà, e contro tante altre persone, e loro famiglie, sospette di giacobinismo. Doppo cinque giorni i francesi si arresero, e fatta capitolazione partirono da questa città, onde restituita in parte la bramata tranquillità il Palio del 2 luglio fu eseguito ad agosto dell'anno predetto, e riportò la vittoria la Contrada del Nicchio senza accidentalità, che meritino di essere registrate.

(Da "Memorie di Palio a cavallo tre secoli" a cura di Paolo Tertulliano Lombardi)