16 agosto 1779
ONDA



1░ CAPPOTTO REALIZZATO DA QUESTA CONTRADA

L'ordine Ŕ quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

* Fantino esordiente

B. di A.Pallini VALDIMONTONE Ciocio
G. di S.Ticci PANTERA Bastiancino
M. di A.Bilenchi SELVA Serotine
B. di S.Fioravanti NICCHIO Gremigna
G. di P.Girolami ISTRICE Marcaccio
B. di P.Nepi ONDA Brecchino
S. di L.Dei CIVETTA Gigi Bestia
S. di P.Testi BRUCO Begnamino *
B. di G.Coppi TORRE Romeo
G. di L.Cetti CHIOCCIOLA Nacche

GIUDICI DELLA MOSSA: Carlo Landi e Domenico Ugurgieri

CAPITANO VITTORIOSO: Camillo Pieraccini

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1779
Unico Palio vinto da questo fantino




Vinse l'Onda questo Palio per essere entrato un sasso nel piede del cavallo del Bruco che era primo. Con oblazioni raccolte fra i cittadini fu fatto correre in questo giorno un palio.
I partiti e gli accordi corsi fra i fantini influirono per togliere alla corsa quella gara che rende divertente lo spettacolo.
La Contrada vincitrice fu nuovamente l'Onda con il fantino Giuseppe Brecchi detto Brecchino, di anni 15 o 16. (in realtÓ aveva 20 anni n.d.r.)
Capitano dell'Onda Camillo Pieraccini. Il cavallo vincitore era proprietÓ del parroco Nepi.

(Da "I quaderni del Griccioli" della Nobil Contrada dell'Aquila)

Secondo la cronaca di Tertulliano Lombardi, "Vinse l'Onda questo Palio per essere entrato un sasso nel piede del cavallo del Bruco che era primo".