2 luglio 1773
AQUILA



L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

S. di A.Guerrazzi CHIOCCIOLA Sorbino
S. di S.Calamassi DRAGO Castagnino
M. di F.Ricci ISTRICE n.r.
S. di G.Decinè TARTUCA Bastiancino
S. di G.Ricci NICCHIO n.r.
M. di M.Mancini VALDIMONTONE n.r.
B. di G.Gigli AQUILA Nacche
B. di F.Pozzesi CIVETTA n.r.
G. di G.Casini ONDA n.r.
S. di G.Pignotti LUPA n.r.

GIUDICI DELLA MOSSA: Girolamo Bargagli e Pietro Cosatti

CAPITANO VITTORIOSO: Giuseppe Dinelli

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1770
Il fantino non vinceva dal 16 agosto 1771




In questa corsa Bastiancino fantino della Tartuca ebbe contro tutti gli altri; quello del Drago (Castagnino) e quello della Chiocciola (Sorbino) lo posero in mezzo ed a furia di nerbate lo portarono in S.Martino.
Al seguito di ciò l'Aquila senza alcun contrasto riportò la vittoria con il fantino Luigi Sucini detto Nacche.

(Da "I quaderni del Griccioli" della Nobil Contrada dell'Aquila)