2 luglio 1744
OCA



L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
In questo colore le contrade estratte a sorte
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

B. della Posta di Siena CHIOCCIOLA Boccino
M. della Posta di Siena GIRAFFA n.r.
B. della Posta di Buonconvento  ONDA n.r.
B. dell'oste della Scala VALDIMONTONE n.r.
M. del Taja OCA Ministro
S. della Posta di Siena NICCHIO n.r.
B. del Mascagni CIVETTA n.r.
B. di G.Bonci TORRE Cerrino
B. di G.Gori BRUCO n.r.
M. dell'oste delle Donzelle SELVA n.r.

GIUDICI DELLA MOSSA: Bernardino Lucarini e Antonio Piccolomini Del Testa

CAPITANO VITTORIOSO: Giuseppe Milanesi

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1718
Il fantino non vinceva dal 16 agosto 1741




Fu una corsa molto bella, essendovi stata molta gara.
Ministro, fantino dell’Oca, dovette non poco contendere con quello della Torre, che era Cerrino, e per liberarsene gli fu d’uopo, al terzo giro, al principio della salita del Casato, scavalcarlo in modo da farlo cadere nell’interno della piazza (si dice che cadesse in una cesta di ciliegie). Ne’ minore contrasto il detto Ministro ebbe pure col fantino della Giraffa, il quale fu sempre tenuto indietro a forza di nerbate.

(Da "I quaderni del Griccioli" della Nobil Contrada dell'Aquila)