2 luglio 1707
SELVA



1° CAPPOTTO REALIZZATO DA CAPPELLARO

L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine

Marchesino ISTRICE n.r.
Morellino TORRE n.r.
Fratino PANTERA n.r.
Barbarino CHIOCCIOLA n.r.
Postarino GIRAFFA n.r.
Fattorino VALDIMONTONE n.r.
Mascherino BRUCO n.r.
Bufalino SELVA Cappellaro
Serpente ONDA n.r.
Barbarino DRAGO n.r.
Postarino TARTUCA n.r.
Vegliantino NICCHIO n.r.
Il Guercetto LEOCORNO n.r.
Ragazzino OCA n.r.
Leprino LUPA n.r.

GIUDICI DELLA MOSSA: Ansano Chigi e Uberto Cennini

CAPITANO VITTORIOSO: Ambrogio Rugiadi

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1698
Il fantino non vinceva dal 2 luglio 1705




Corsero tutte le Contrade, eccettuate Aquila e Civetta.
Il palio era del valore di 60 talleri.
Dal canape partì prima la Lupa e tale si mantenne per due girate, ma alla Fonte (3° giro) i lupaioli credendo che il cavallo avesse fatto 3 girate, ed avere così vinto, cominciarono a tirare razzi e spiegare le bandiere, onde il fantino si fermò e smontò da cavallo, sicuro di avere vinto; ma le altre Contrade seguitarono a correre e in quest'ultimo giro la corsa fu molto contrastata e vinse la Selva con il fantino Giov.Batta.Pistoi detto Cappellaio. I Lupaioli restarono molto confusi e il loro fantino pretendeva che gli pagassero la corsa, e lo scapito delle mance. La Lupa aveva il miglior cavallo, che era molto corridore, e dopo venivano quelli dell'Onda, Tartuca, Selva e Valdimontone, e fra queste vi fu molto contrasto e corsero molte nerbate. I Selvaioli, per la riportata vittoria, fecero belle feste in Piazza S.Giovanni e per le strade del loro rione.

(Da "I quaderni del Griccioli" della Nobil Contrada dell'Aquila)









TRATTA E ISCRIZIONE DELLE CONTRADE