16 agosto 1707
OCA



1° CAPPOTTO REALIZZATO DA CAPPELLARO

L'ordine è quello di entrata fra i canapi e il grassetto indica la vincitrice
Cliccando sui nomi dei fantini e sulle immagini, si apriranno le relative pagine
(Abbreviazioni: B=baio; G=grigio; I=isabella; M=morello; R=roano; S=sauro)

Marchesino VALDIMONTONE n.r.
Fratino LUPA n.r.
Fattorino CIVETTA n.r.
Bargellino PANTERA n.r.
Mascherino ONDA n.r.
M. della Posta di Monteroni  GIRAFFA n.r.
Bufalino OCA Cappellaro
Barbarino TARTUCA n.r.
Castrone CHIOCCIOLA n.r.
Pallottino NICCHIO n.r.
Postarino LEOCORNO n.r.
Macellarino ISTRICE n.r.
Fornarino BRUCO n.r.

GIUDICI DELLA MOSSA: Ansano Chigi e Uberto Cennini

CAPITANO VITTORIOSO: Giovan Battista Giusti

La contrada non vinceva dal 2 luglio 1701
Il fantino non vinceva dal 2 luglio 1707




La Selva fece ricorrere il palio consistente in 40 ducati, che furono posti nei rami di un alberetto legato in una mazza posta sotto il drappellone.
Questa Contrada entrò in Piazza con una comparsa di 18 uomini ben vestiti con uniforme allusiva alla bandiera; comparsa che riscosse molto plauso.
Vinse l'Oca con il fantino Giov.Batta.Pistoi detto Cappellaio.
Dal canape partì prima la Tartuca, ma presto fu passata dalla Chiocciola che per più di 2 giri si mantenne prima, ma alla voltata del Casato (3°giro) fu raggiunta dall'Oca, che prese per l'affibbiatura del giubbetto il fantino della Chiocciola, tenendolo forte, e lo tenne indietro, e così divenuto primo vinse il palio mercè la sua bravura.
Per la vittoria riportata, l'Oca fece belle feste in Fontebranda; ed il fantino Cappellaio fece moltissime mance.

(Da "I quaderni del Griccioli" della Nobil Contrada dell'Aquila)









TRATTA E ISCRIZIONE DELLE CONTRADE