BRACALI   ADAMO
(Vecchio) 0/15

- detto anche Laurino -

Nato a Siena il 3 gennaio 1799 (vedi battesimo)
Morto a Siena (spedale) il 3 settembre 1866 (vedi atto di morte)
Genero di Mangiagatte (Giuseppe Lippi) (cfr.)

1. 2 luglio 1816 PANTERA Baio di A.Livi
2. 16 agosto 1816 SELVA Morello di A.Garuglieri
3. 2 luglio 1817 LEOCORNO Baio di V.Mariotti
4. 16 agosto 1820 CHIOCCIOLA Grigio di L.Brandani
5. 2 luglio 1822 BRUCO Baio di G.Scaccialupi
6. 2 luglio 1823 TORRE Morello di G.Morandi
7. 17 agosto 1823 BRUCO Morello di A.Lippi
8. 27 settembre 1824 BRUCO Baio di S.Pagliai
9. 3 luglio 1825 LUPA Baio di G.Bellini
10. 16 agosto 1825 AQUILA Morello di S.Felli
11. 2 luglio 1828 TARTUCA Baio di G.B. Della Ciaja
12. 17 agosto 1828 ONDA Morello di L.Ancilli
13. 16 agosto 1829 LEOCORNO Baio di F.Gigli
14. 16 agosto 1831 GIRAFFA Morello di G.Pasciarelli
15. 18 agosto 1841 ¹ PANTERA n.r.

¹ Palio straordinario corso con 17 contrade.



          

                

                 

                 

                       


Nel 1838 vengono rilasciati ad Adamo Bracali i precetti di adattarsi a uno stabile mestiere, di astenersi dalle risse e di frequentare le bettole. (Archivio di Stato di Siena - Governo di Siena 350 - anno 1838)



2° matrimonio contratto il 3 luglio 1842 in S.Salvatore in S.Agostino con Angelica Lippi, figlia di Mangiagatte.




Nel 1850, Adamo Bracali abitava in via delle Lombarde
Nel 1850, Adamo Bracali abitava in via delle Lombarde

I vari ricoveri allo Spedale di Adamo Bracali. Da notare l'errore grossolano riguardante
l'età attribuitagli
I vari ricoveri allo Spedale di Adamo Bracali. Da notare l'errore grossolano riguardante l'età attribuitagli


Le cronache paliesche dei primi decenni del XIX secolo abbondano di fantini protagonisti spesso di episodi in cui l'estrema abilità di cavallerizzo, si fonde con le scorrettezze più lampanti.
Vecchio a tutti gli effetti fa parte di questa numerosa schiera.
Nell'agosto del 1820, correndo nella Chiocciola, fu tra coloro per i quali il Comune, per evitare rischi ed imbrogli, chiese alle rispettive contrade un deposito cauzionale anticipato.
Ed è sempre lui, che nell'agosto del 1825 con il giubbetto dell'Aquila si nerba e si prende platealmente a botte per tre giri con la Chiocciola.
Se qualcuno si domanda il motivo per cui l'Aquila ostacolò in modo così plateale la Chiocciola, la risposta la fornisce il Bandini, che ci fa sapere che il Capitano dell'Aquila era un tartuchino...




4 aprile 1840


Fantini Brava Gente


ALTRI CAPITOLI INERENTI

LE SCHEDE DEGLI ALTRI FANTINI
I FANTINI VITTORIOSI DI TUTTI I TEMPI
LE DATE DI NASCITA
LE STATISTICHE SULL'ETA'
PROCESSI E FATTI CURIOSI SUI FANTINI


     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena