- IL REGOLAMENTO DEL PALIO -

Cap.V - DELLE CORSE DI PROVA E DEI FANTINI


Articolo 52

Le Contrade hanno l'obbligo di provare collettivamente i loro cavalli nel "Campo", nei giorni ed ore stabiliti dalla AutoritÓ Comunale. Soltanto per circostanze eccezionali l'AutoritÓ Comunale pu˛ autorizzare qualche Contrada a provare da sola il proprio cavallo, sempre nel "Campo" e nelle ore all'uopo prescritte. Secondo l'antica tradizione, le prove sono in numero di sei ed hanno luogo la mattina e la sera, a cominciare dal pomeriggio dei giorno in cui Ŕ avvenuta la consegna dei cavalli, sino al mattino di quello nel quale deve effettuarsi il Palio. La prova pomeridiana del giorno che precede quello del Palio Ŕ chiamata "prova generale". Durante le prove, nelle due ore che le precedono e nell'ora successiva, Ŕ inibito alle singole Contrade di far effettuare alla propria Comparsa, nel "Campo", manifestazioni di qualsiasi genere.

Articolo 53

Qualora, per pioggia, la pista sia impraticabile o pericolosa, il Sindaco, udito il parere, non vincolante, del Dirigente dell'Ufficio Tecnico Comunale e dei Deputati della Festa, pu˛ ritardare l'effettuazione della prova e, occorrendo, sopprimerla. Eguale facoltÓ Ŕ riservata al Sindaco per eventuali altre cause di forza maggiore. Dei provvedimenti assunti Ŕ data immediata comunicazione al pubblico mediante opposizione ad una delle trifore dei Palazzo Comunale di una bandiera bianca in caso di ritardo e di una bandiera verde in caso di soppressione.

Articolo 54

Per le corse di prova ogni Contrada ha l'obbligo di inviare il proprio cavallo, con la briglia munita di pennacchiera, nella Corte del PodestÓ del Palazzo Civico, almeno mezz'ora prima di quella che per ciascuna prova l'AutoritÓ Comunale abbia stabilita. Il cavallo deve essere condotto dal solo Barberesco, munito di berretto con coccarda con i colori della rispettiva Contrada, recante il costume da indossarsi dal fantino, e fatto accedere nella Corte dei PodestÓ entrando nel "Campo" unicamente da via Rinaldini e percorrendo il tratto di discesa tra l'imbocco di tale via ed il Palazzo dei Comune. Nella Corte, in attesa della prova, ciascun cavallo deve occupare il posto corrispondente al numero d'ordine che aveva al momento della sua assegnazione alla Contrada, ai termini dell'Art. 48.

Articolo 55

Nella Corte del PodestÓ, in occasione delle prove, possono accedere soltanto il rappresentante dell'AutoritÓ Comunale con i funzionari, impiegati ed agenti addetti alle operazioni del Palio, od al servizio d'ordine, i Deputati della Festa, i Capitani delle Contrade partecipanti alla corsa, od uno dei loro Fiduciari, i Barbereschi che hanno condotto i cavalli ed i Fantini. Nessun'altra persona sarÓ ammessa, per qualsiasi motivo. I Capitani o coloro che li sostituiscono sono tenuti ad esibire ad ogni richiesta la tessera di riconoscimento rilasciata dall'AutoritÓ Comunale.

Articolo 56

L'esonero delle Contrade dal partecipare ad ogni singola prova per impedimento sopravvenuto al cavallo, Ŕ disposto dall'AutoritÓ Municipale in seguito a giudizio del Veterinario Comunale, previa visita da effettuarsi nella Corte del PodestÓ nella mezz'ora antecedente alla corsa. Solo quando il cavallo sia nell'impossibilitÓ di raggiungere la Corte suddetta, la Contrada deve darne avviso almeno tre ore prima della prova, all'AutoritÓ Municipale, affinchÚ la visita di controllo da parte dei Veterinario Comunale venga effettuata nella stalla della Contrada. Trasgredendo alle disposizioni del presente articolo, la Contrada incorre nella sospensione dalla corsa del Palio.

Articolo 57

Tanto per le prove come per il Palio, i cavalli debbono correre provvisti della briglia con la pennacchiera portante i colori della Contrada alla quale vennero rispettivamente assegnati in sorte. Per briglia deve intendersi l'insieme dei finimenti (testiera, l'imboccatura e redini) provvisti eventualmente di paraocchi di foggia tradizionale e di paraombre. ╚ proibito praticar loro fasciature di qualsiasi genere, applicare ginocchielli, o corredarli di tutto quanto potrebbe facilitarne la cavalcatura. ╚ dei pari vietato somministrar loro, in qualsiasi modo, sostanze eccitanti, praticare frizioni di ogni genere, od applicar "perette". ╚ ammesso soltanto che i cavalli corrano sferrati. Il Capitano di ciascuna Contrada Ŕ direttamente responsabile della stretta osservanza di tali disposizioni.

Articolo 58

Spetta alle Contrade provvedersi a loro completo carico del Fantino, per il proprio cavallo, tanto per le prove, quanto per il Palio. I Capitani devono comunicare per iscritto all'AutoritÓ Comunale, per la necessaria approvazione, la nomina dei Fantino, indicandone anche il soprannome, per il Palio, subito dopo l'ultima prova. Il soprannome imposto nel corso della segnatura del Palio cui il Fantino prende parte per la prima volta non potrÓ in alcun modo essere successivamente modificato. In tale occasione i Fantini, accompagnati dai rispettivi Capitani debbono essere presentati alla rassegna dell'AutoritÓ Comunale e dei Deputati della Festa, muniti di giubbetto del tipo tradizionale. Per nessun motivo Ŕ consentito il cambiamento dei Fantino dopo la rassegna di cui sopra e nel caso in cui la Contrada si trovi priva di Fantino, non potendosi condurre tra i canapi il cavallo scosso, resta esclusa dal Palio.

Articolo 59

╚ vietato alle Contrade montare, tanto per le prove quanto per il Palio, fantini che non abbiano raggiunto la maggiore etÓ, o che abbiano in corso punizioni di esclusione, o che abbiano pendenti ricorsi avverso provvedimenti inflitti dagli organi competenti.

Articolo 60

Secondo la secolare tradizione i Fantini, per quanto ingaggiati dalle Contrade, corrono a totale loro rischio e pericolo. Anche il testo di questo articolo deve essere pubblicato con apposito manifesto nella Corte dei PodestÓ, e comunicato ai Fantini, com'Ŕ disposto all'Art. 38 per i proprietari dei cavalli.

Articolo 61

I Fantini nelle corse di prova sono tenuti ad indossare giubbetto stemmato, pantaloni e berretto con i colori della Contrada che li ha ingaggiati, del tipo resultante dall'apposita tabella che si conserva presso il Comune. Si applicano anche alle prove le disposizioni contenute nell'art. 43 ultimo comma circa il mezzo che ai Fantini Ŕ consentito per incitare i cavalli durante la corsa.

Articolo 62

La chiamata delle Contrade dalla Corte dei PodestÓ alla mossa, Ŕ fatta mediante un rullo di tamburo e lo sparo di un mortaretto. I cavalli debbono essere fatti procedere al passo e sostare presso i canapi, per attendere il loro turno d'ingresso. Il giorno del Palio i cavalli dovranno essere fatti sostare di fronte al Civico Palazzo, possibilmente in linea ordinata, e i Fantini, alzando il nerbo, renderanno gli onori all'AutoritÓ Municipale su comando del Direttore di Polizia o chi per esso. Nelle corse di prova le Contrade debbono prendere posto nell'interno dei canapi nei seguenti ordini tradizionali: Prima prova ordine nel quale le Contrade furono estratte a sorte per partecipare al Palio; Seconda prova ordine suddetto invertito; Terza prova ordine d'estrazione delle Contrade per l'assegnazione dei cavalli; Quarta prova ordine suddetto invertito; Quinta prova ordine avuto dai cavalli per procedere alla loro assegnazione; Sesta prova ordine suddetto invertito.

Articolo 63

I Fantini, dal momento in cui escono dalla Corte del PodestÓ montati sul loro cavallo per recarsi alla mossa, passano alla esclusiva dipendenza dell'AutoritÓ Comunale e del Mossiere. E' perci˛ proibito sia ai Capitani che ai loro Fiduciari di trattenersi nella pista, o presso i canapi, per impartire ordini, disposizioni o per prendere accordi con i Fantini suddetti. E' altresý vietato ai Fantini di mutarsi gli indumenti.

Articolo 64

E' stretto dovere dei Fantini entrare prontamente tra i canapi nell'ordine di chiamata, prendere il posto che a ciascuno spetta secondo l'ordine stesso e tenersi a giusta distanza l'uno dall'altro, restando loro assolutamente vietato di cambiar posto o di collocare il proprio cavallo in modo da impedire od ostacolare la partenza ai compagni. ╚ pure loro vietato rimanere al canapo, o scendere da cavallo all'atto della mossa, per astenersi dalla corsa, o per far correre il cavallo scosso. I contravventori sono passibili della esclusione a vita dalle corse.

Articolo 65

La mossa ha luogo quando il Mossiere abbassa il canapo con la volontÓ di far partire i cavalli: la caduta dei canapo Ŕ segnalata dal rullo di un tamburo. Il Mossiere Ŕ il solo giudice inappellabile del momento in cui la mossa Ŕ da darsi e della sua validitÓ. La mossa non valida Ŕ segnalata dallo scoppio di uno o pi¨ mortaretti, il cui congegno Ŕ comandato direttamente dal Mossiere a mezzo di un dispositivo a pulsante azionato elettricamente. Qualora per cause di forza maggiore tale dispositivo non possa funzionare lo scoppio Ŕ provocato da un addetto al mortaretto, al quale il Mossiere rivolge apposito invito. Lo scoppio dei mortaretto sospende comunque la corsa; in tal caso i Fantini debbono subito fermare i cavalli e ricondurli al passo: a) PodestÓ, se il Mossiere abbia avuto intenzione di dare la mossa, ma questa sia risultata, a suo giudizio, non valida ed il Mossiere stesso abbia segnalato tale circostanza, dopo lo scoppio, sventolando una bandiera verde ed issandola, poi, sul verrocchio.

Articolo 66

╚ obbligo di tutti i Fantini d i far compiere ai rispettivi cavalli i tradizionali prescritti tre giri della pista, ma quando, per minor velocitÓ dei proprio cavallo, alcuno di essi rimanga distanziato, all'udire lo sparo del mortaretto segnalante l'arrivo dei vincitore al bandierino dei traguardo e la conseguente fine della corsa, ha il dovere di fermarsi nel pi¨ breve tempo possibile evitando, comunque, di porre in pericolo, correndo, l'incolumitÓ dei pubblico.

Articolo 67

╚ vietato ai Fantini, tanto alla mossa, quanto nel percorso, tenersi tra loro, sporgere la spalla o il braccio l'uno sul petto dell'altro per costituirgli impedimento, percuotersi o comunque personalmente molestarsi. Soltanto per il Palio Ŕ ammesso l'uso del tradizionale nerbo (tendine di bue) nel modo disposto al successivo Art. 84. I contravventori sono passibili delle penalitÓ previste nell'ultimo comma dell'Art. 64.

Articolo 68

Quando, per deficienza di velocitÓ del cavallo avuto in sorte, una o pi¨ Contrade siano raggiunte da altre, in vantaggio di un giro, si considerano e devono mettersi fuori giostra, per non arrecare alle altre, in qualsiasi modo, impedimento o molestia. I Fantini che contravvengono sono passibili delle penalitÓ di cui nell'ultimo comma dell'Art. 64,

Articolo 69

Ai Fantini caduti da cavallo non pu˛ essere prestato aiuto per risalirvi. A sottrarli da eventuali pericoli ed a raccoglierli per i soccorsi del caso, provvedono le squadre delle Associazioni di assistenza, all'uopo disposte lungo il percorso. I Fantini caduti, che possano prontamente risalire a cavallo senza aiuti e continuare la corsa, non perdono alcuno dei diritti che loro competono nella corsa stessa, purchÚ apparisca chiaro che la caduta fu fortuita e non simulata allo scopo di prender tempo per danneggiare, percuotere o fermare qualche avversario. Verificandosi quest'ultimo caso, i Fantini sono passibili delle penalitÓ di cui all'ultimo comma dell'Art. 64.

Articolo 70

La vittoria Ŕ conseguita dalla Contrada il cui cavallo, data validamente la mossa, dopo aver compiuti tre giri della pista, giunga, anche scavezzato, per primo al bandierino di traguardo posto dinanzi al Palco dei Giudici, e ci˛ ancorchÚ il Fantino, durante la corsa, fosse caduto. L'arrivo Ŕ segnalato da un rullo di tamburo e dallo sparo di un mortaretto. Il giudizio inappellabile della vincita Ŕ dato da una Commissione composta di tre membri nominata dalla Giunta Municipale, Commissione che assiste alla corsa da posti appositi nel Palco dei Giudici.

Articolo 71

La vincita delle prove non porta alla Contrada alcun privilegio o premio, non avendo tali corse altro scopo che l'addestramento dei cavalli. Soltanto per la prova generale Ŕ dall'Amministrazione Comunale costituito un premio da assegnarsi al Fantino vincitore.



     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena