- PROCESSI E FATTI CURIOSI CHE RIGUARDANO I FANTINI -

Il turpiloquio di Adamo Bracali detto Vecchio

Contro Adamo del f¨ Giuliano Bracali nato a Siena, e domiciliato a Grosseto. d'anni 27, ammogliato senza figli, di condizione facchino e fantino per turpiloquio






Adý 28 Giugno 1832

"Alle ore quatro, e mezza pomeridiane di questo giorno, dopo aver acquistato un sigaro nella bottega di Caterina Laini al Chiasso Largo, ebbe una discussione con Francesco Santini, detto il Gobbo della Nobil Casa Ottieri della Ciaja."
Oltre a Caterina Laini, i testimoni furono Luigi Giraldini (detto Maremmanino) nato a Piombino e domiciliato a Livorno e Vincenzo Cardelli, (detto Barege) di condizione Sarto, e fantino nativo, e dimorante nei pressi di Pisa, attualmente dimorante a Siena in via dell'Onda per la corsa di Piazza.
Il fatto accadde sull'uscio di detta bottega quando, a detta dei testimoni, il Bracali inizi˛ a bestemmiare e offendere il Santini per dei vecchi rancori riguardo a dei passati Palii. Per questi motivi, il 2 luglio 1832, il Bracali venne "condannato a tre giorni di carcere, l'ultimo dei quali in segreta a vitto economico".


Archivio di Stato di Siena - Governo di Siena 815 - fasc. 3887 - 2 luglio 1832

     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena