- PROCESSI E FATTI CURIOSI CHE RIGUARDANO I FANTINI -

Beccamorto e le bucce di cocomero ricevute






14 settembre 1838 - RAPPORTO GIORNALIERO DEL CAPITANO DI POLIZIA

Lo scorso giorno circa le ore sei mentre Tommaso Giannelli spazzino della Comune esercitava il suo mestiere in questa Piazza del Campo, le venivano scagliate delle bucce di cocomero da certo
Luigi Minucci bracciante di Ovile, ed avendo ciò osservato Giovanni figlio del suddetto Giannelli, vibrò un gagliardissimo colpo pugillare nel volto al detto Minucci che lo abbattè immediatamente privo di sensi al suolo.
Accorsa sulla faccia del luogo una moltitudine di persone altamente indignato del procedere del giovine Giannelli, avrebbe inveito contro il medesimo se la Polizia non fosse stata pronta ad arrestare il divisato Giannelli, associandolo con superiore annuenza in Carcere Segreta.


Archivio di Stato di Siena - Governo di Siena 350 - anno 1838

     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena