- LA PASSEGGIATA STORICA -


Ore 16.30 (luglio) 16.00 (agosto) - I Vigili Urbani iniziano lo sgombero della pista di piazza del Campo.

Ore 17.20 (luglio) 16.50 (agosto) - Fa ingresso in Piazza del Campo il Corteo Storico.
* Aprono la sfilata 6 Mazzieri.
* Segue a cavallo il Vessillifero recante la "Balzana", insegna di Siena scortata da 4 Comandatori.
* Avanzano poi i Musici di Palazzo, preceduti dai tamburi e dalle chiarine d'argento che scandiscono il ritmo del Corteo.
* A questi fanno seguito le insegne di città, potesterie, terre e castelli dell'antico Stato Senese che precedono i Vessilliferi e le rispettive scorte del Comune di Massa Marittima e del Comune di Montalcino per storico privilegio.
* Sfila quindi il Capitano del Popolo a cavallo con palafreniere, preceduto dal Vessillifero, da 3 Paggi recanti daga, elmo e spada, seguito dai 3 Gonfalonieri dei Terzi a cavallo e da 3 Centurioni delle Masse dei Terzi, anch'essi a cavallo, tutti accompagnati dai Palafrenieri.
* Nel gruppo successivo è rappresentato lo Studio Senese di cui fanno parte 2 Tamburini, un Vessillifero, un Rettore, 4 Docenti e 4 Studenti.
* Vengono poi il Vessillifero e i 3 Magistrati della Mercanzia preceduti da 2 Tamburini cui seguono 6 rappresentanti di ciascuna Contrada preceduti dal Vessillifero che inalbera l'insegna di ogni Contrada:
Ligrittieri (Valdimontone), Speziali (Pantera), Maestri di Pietra (Tartuca), Tessitori (Selva), Tintori (Oca), Banchieri (Drago), Vasai (Nicchio), Orafi (Leocorno), Notai (Aquila), Setaioli (Bruco), Calzolai (Civetta), Battilana (Torre), Pittori (Giraffa), Falegnami (Onda), Fornai (Lupa), Cuoiai (Chiocciola), Fabbri (Istrice).
* A questo punto avanza un Paggio che reca il "Masgalano" (premio per la miglior "Comparsa") con due Paggi di scorta.
* Sfilano le dieci Contrade partecipanti alla corsa. Ciascuna "Comparsa" è così composta: un Tamburino, due Alfieri, il "Duce" scortato da due Uomini d'arme, il Paggio Maggiore porta-insegna della Contrada con ai lati due Paggi recanti i vessilli delle compagnie militari. Sopra un grosso cavallo da parata (detto "Soprallasso") condotto a mano da un palafreniere, è il Fantino in tenuta di gala; segue il cavallo da corsa o "Barbero" condotto dal Barbaresco. Le Contrade che partecipano al Palio entrano nell'ordine stabilito dal sorteggio.
* Una doppia fila di 6 Paggetti recanti i simbolici festoni di alloro forma la divisione con le Contrade escluse da questo Palio.
* Le "Comparse" delle 7 Contrade non partecipanti sono formate dai seguenti elementi: il Tamburino, due Alfieri, un "Duce" scortato da 2 Uomini d'arme, Paggio Maggiore porta-insegna con 2 Paggi recanti i vessilli delle antiche compagnie militari.
* Seguono quindi 6 Cavalieri Palafrenieri, rappresentanti le Contrade non più esistenti (Gallo, Leone, Orso, Quercia, Spadaforte, Vipera).
* Vengono quindi 20 Balestrieri preceduti da un Paggio porta-bandiera, dal Capitano, da 2 Tamburini e da 4 Pavesari.
* Segue a questi il Capitano di Giustizia a cavallo con Palafreniere scortato da 4 Fanti armati di roncone.
* Il Corteo è chiuso dal Carroccio trainato da 4 buoi. Sul Carroccio prendono posto i 4 di Balia, un Inserviente porta-Palio, un Valletto che suona la "Martinella" e 6 Trombetti.
* Il Carroccio è scortato da 8 Fanti armati di roncone ed è seguito da 6 Cavalieri rappresentanti altrettante antiche famiglie nobili di Siena: Pannocchieschi d'Elci, Piccolomini, Salimbeni, Salvani, Tolomei, Ugurgieri.
* Il Corteo Storico termina con 6 Paggi recanti un festone d'alloro.

Ore 19.30 (luglio) 19.00 (agosto) - Dopo la "sbandierata" finale dei 17 Alfieri, lo scoppio del mortaretto segnala l'uscita dei fantini a cavallo dal Cortile del Podestà. Dopo aver ricevuto i "nerbi", i fantini si avviano verso il luogo da cui inizia la corsa ("mossa").
L'ingresso tra i due canapi è stabilito da un sorteggio segreto fino all'ultimo istante.
Quando il cavallo "di rincorsa" parte ed il "mossiere" ritiene la partenza valida, prende il via la Corsa. Dopo 3 giri, quando il primo cavallo (non importa se via sia sopra il fantino o meno) passa davanti al bandierino, lo scoppio di un mortaretto ne segnala la fine.


Il Secolo XX - 1° agosto 1922


     per tornare alla pagina iniziale del Palio di Siena